jump to navigation

Dig News #203 – Ottobre 2012 – (2) I canali Switchover Media: Giallo e Focus 2 ottobre 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Dig News, Scienza e tecnologia.
trackback

Nel secondo dei sei spazi relativi al mese di OTTOBRE 2012 in cui presento la programmazione dei canali digitali terrestri, ecco le notizie disponibili sui programmi in onda sui canali generalisti Switchover Media Giallo e Focus, il primo dedicato agli appassionati di serie poliziesche ed il secondo adatto agli amanti di cultura e divulgazione.
I programmi indicati vengono spesso replicati ad altri orari nel corso della settimana, per maggiori informazioni consultate le vostre guide TV.


(canale 38)

TELEFILM

INCUBI E DELIRI
da martedì 9 ottobre alle 23:40
Distribuzione: Warner Bros. Television, 2006
Tratto dai racconti di Stephen King
Con: William Hurt, William H. Macy, Greta Scacchi, Ron Livingston, Henry Thomas
Per la prima volta in chiaro arriva su GIALLO la miniserie americana composta da otto episodi da un’ora tratti da tre diverse antologie di racconti di Stephen King.
Il meglio della produzione breve della prima parte della carriera dello scrittore, non priva di riferimenti autobiografici, prende vita in questa fine trasposizione televisiva che si avvale della  partecipazione di attori di grosso calibro.
William H. Macy (Fargo, Shameless) nella puntata L’ultimo caso di Umney, William Hurt (Il grande freddo, Damages) in Campo di battaglia, Greta Scacchi (Presunto innocente, Flighplan) in Sala Autopsia 4, sono solo alcune delle star che hanno aderito al progetto. Un cast che ha dato corpo alle più cupe visioni del Maestro del brivido, rendendo Incubi e Deliri un vero cult per gli amanti della letteratura thriller.
Otto piccoli gioielli, storie misteriose immerse in atmosfere perfettamente kinghiane che spesso non riescono a dissipare quella sensazione di profondo turbamento, che è la tipica firma del più grande autore vivente di mistery novel.

 

  • Campo di battaglia – John Renshaw (W. Hurt) uccide l’amministratore delegato di un’azienda di giocattoli. Tutto sembra filare liscio finché non riceve un pacco proveniente proprio dalla fabbrica di giocattoli.
  • Crouch End – Una giovane coppia di sposi (E. Bailey e C. Forlani) si reca in luna di miele a Londra. Qui scopriranno di essere finiti in un un’altra dimensione dove nulla è come appare.
  • L’ultimo caso di Umney – Dopo la morte del figlio, lo scrittore Sam Landry (W. H. Macy) è così sconvolto che costringe il suo personaggio più popolare a prendere il suo posto. Non tutto sarà così facile come sperava.
  • La fine del gran casino – Il mondo è cambiato. Niente più guerre ma solo amore e fratellanza umana. Cosa è accaduto e, soprattutto, quale prezzo è stato necessario pagare? E’ quanto il regista Howie Fornoy (R. Livingston),  a cui resta una sola ora di vita, cerca di capire.
  • Il virus della strada va a Nord – Durante una visita dal medico, il famoso scrittore Richard Kinnell (T. Berenger) viene a sapere di essere vicino alla morte. Sulla via di casa si ferma a comprare un quadro che si rivelerà estremamente pericoloso per lui.
  • Il quinto quarto – Willie (J. Sisto) è appena uscito di prigione dove ha recuperato il frammento di una mappa che conduce al nascondiglio del bottino di una rapina.
  • Sala Autopsia 4 – L’uomo d’affari Howard Cottrell (R. Thomas) viene morso da un serpente mentre gioca a golf e rimane totalmente paralizzato, tanto da sembrare morto. Diventerà testimone della propria autopsia.
  • E hanno una band dell’altro mondo – Una svolta sbagliata ad un bivio e i signori Willingham (S. Weber e K. Delaney)  si ritrovano nella sperduta cittadina di Rock and Roll Heaven, dove ogni sera si tiene un concerto il cui prezzo d’ingresso è molto, molto alto…

(canale 56)

DOCUMENTARI

POTREBBE SUCCEDERE
PRIMA TV ASSOLUTA
da venerdì 5 ottobre alle 21.00
«Potrebbe succedere» è una serie coinvolgente e magnetica che esplora gli scenari che si potrebbero verificare se le più violente manifestazioni della natura si abbattessero su centri abitati da milioni di persone.
Terremoti, uragani, tornado, tsunami e altri disastri che potrebbero un giorno prendere la meglio sulle nostre città, spazzandole via all’improvviso, vengono descritti con grande ricchezza di particolari ipotizzando scenari che non avremmo mai immaginato.
New York devastata da un uragano, San Francisco rasa al suolo dal peggiore dei terremoti e altri eventi che lascerebbero dietro di sé enormi perdite di vite umane e danni incalcolabili, sono ricreati incrociando le informazioni che vengono da materiale d’archivio su eventi del passato con comparazioni scientifiche e pareri degli esperti. Con la computer graphic a ricreare ambientazioni di grande realismo e di incredibile impatto visivo.

LE STRADE DELLA PAURA
PRIMA TV ASSOLUTA
dal 20 settembre tutti i giovedì alle 21.00
Negli USA la chiamano «Tornado Alley» ed è la zona che si estende tra il Texas, il nord Oklahoma, il Nebraska e il Kansas: una striscia centrale di territorio pianeggiante attraversato da fiumi e racchiuso tra le Montagne Rocciose e i Monti Appalachi.
Grazie alla combinazione geografica e a particolari condizioni climatiche che fanno scontrare in questa regione i venti freddi provenienti dal Canada con le correnti calde che salgono dal Golfo del Messico, la Tornado Alley è la culla di alcuni dei più spettacolari e mortali tornado del paese.
«Le strade della paura» porta lo spettatore al centro della furia di Madre Natura, raccontando tutta l’energia distruttiva di queste catastrofi mozzafiato.
Ogni settimana tre squadre di esperti seguono il passaggio delle tempeste per analizzarne e registrarne la potenza e la forza. Con la speranza di cogliere scatti fotografici sempre più estremi.
Che lo facciano per ricerca e studio o per pura adrenalina, questi cacciatori di tornado hanno in comune la passione per una caccia tutta speciale!


Trame e notizie tratte dal materiale stampa diffuso dalle emittenti, aggiornato alla data di pubblicazione di questo articolo.
Se cercate notizie sulla programmazione degli altri canali digitali satellitari a pagamento visitate lo spazio Dig News del blog.