jump to navigation

Premiere USA – Castle, l’esordio della quinta stagione 26 settembre 2012

Scritto da Teresa nelle categorie Cinema e TV, TV USA, Video e trailer.
Tags:
trackback

Il primo episodio della quinta stagione di Castle dal titolo “After the storm” (Dopo la tempesta), la puntata del “giorno dopo”, è andata in onda negli USA lunedì 24 settembre 2012 con ascolti molto buoni, ottenendo 10,45 milioni di spettatori (2,1/6).
Il season finale della quarta stagione ci aveva lasciato con Beckett (Stana Katic) e Castle (Nathan Fillion)  l’uno nelle braccia dell’altra, dopo che l’intrepida poliziotta aveva dato le dimissioni, scossa dalle conseguenze inattese delle indagini sulla morte di sua madre.

Allerta spoiler!

Da buoni intenditori sappiamo che ciò che davvero interessa gli appassionati della serie e sapere come i due protagonisti vivano questa nuova condizione di coppia: faranno finta di nulla? Accamperanno scuse per non affrontare il fatto che il loro rapporto è effettivamente cambiato in maniera definitiva?
La risposta è no.
Sia Rick che Kate sembrano essere pienamente consapevoli delle conseguenze del passo avanti che ha fatto la loro relazione e ne parlano apertamente fin da subito, ammettendo entrambi di non aver alcun tipo di rimpianto, né di voler imputare al loro stato emotivo la decisione di essere andati a letto insieme: insomma Richard Castle e Kate Beckett iniziano questa quinta stagione come coppia, consolidata e felice di esserlo.

Mentre la sfera personale sembra quindi andare a gonfie vele, i due si trovano d’accordo anche nel non rivelare ancora ai propri amici e familiari il loro status di coppia, quella lavorativa – almeno per l’ormai ex detective – sembra decisamente più confusa.
L’identità dell’assassino della madre di Beckett, alla fine della quarta serie, restava ancora un mistero e nonostante il tentativo di Kate di lasciarsi alle spalle tutto quanto, sembra sia il suo passato a volerla inseguire, ancora una volta nelle fattezze di Cole Maddox (Tahmoh Penikett), l’uomo che minaccia da tempo la sua vita e che ingaggia con lei una corsa contro il tempo per accaparrarsi i file che nascondono l’identità dell’assassino di sua madre.

Inutile dire che non c’è Castle senza Ryan (Seamus Dever) ed Esposito (Jon Huertas).
Il B-romance della serie non poteva infatti essere lasciato in sospeso: nonostante le tensioni iniziali tra i due (Esposito arriva a chiamare il suo compagno Giuda), dovute alle accuse di Esposito a Ryan di aver denunciato lui e Beckett per aver agito contro gli ordini del loro capitano Victoria Gates (Penny Johnson Jerald) portando il primo ad una sospensione e la seconda alle dimissioni dal corpo di polizia, i due trovano il modo di lavorare nuovamente insieme ed aiutare Kate a recuperare i file, gli unici che possono garantire la sua sicurezza. Le informazioni contenute in quei documenti sono infatti l’unica forma di baratto che la donna abbia per aver salva la vita.

La parte procedurale, a mio avviso, è quella che nello show lascia un po’ a desiderare ed anche in questo caso vengono usati stratagemmi un po’ troppo casuali e semplicistici per la risoluzione di un ingarbugliatissimo caso che, dopotutto, è nato con la stessa serie.
Infatti, nonostante la morte misteriosa del loro testimone chiave, Beckett e Castle riescono “casualmente” a trovare, tra una marea di carte e documenti, nel giro di pochi secondi quel fondamentale indizio che li porterà a scovare il nascondiglio dei preziosi documenti, che verranno comunque distrutti in un’esplosione che ucciderà il perfido Maddox.
Ancora una volta il caso permette loro di trovare in un minuscolo pezzo di carta sopravvissuto all’esplosione, un numero di conto corrente che rivela loro l’identità del mandante dell’omicidio della madre di Beckett, che si rivela essere niente di meno che il potentissimo senatore Bracken.
Nell’ottica in cui – sono un’appassionata di serie poliziesche – “non esistono coincidenze in un caso di omicidio“, è difficile accettare che ben due coincidenze portino alla risoluzione di questo complesso caso o che, tantomeno, solo perché questo numero di conto bancario è legato al nome del Senatore, ciò voglia dire, senza ombra di dubbio, che l’uomo sia il colpevole di omicidio, ma tant’è…

Beckett sembra decisa a farsi giustizia ed in un adrenalinico finale di episodio la vedremo affrontare, pistola alla mano, l’uomo che ha ucciso sua madre. Non vi rivelerò ovviamente gli accadimenti, sappiate però che Kate verrà reintegrata nel suo ruolo e la coppia Caskett (così è chiamata la ship dagli appassionati della serie), tornerà ad investigare insieme i nuovi casi che ci accompagneranno nell’arco di questa quinta serie.