jump to navigation

Cinema Festival #305 – Box Office del 14-16 settembre 2012 – Tom Hanks si fa in 6 per i fratelli Wachowski – Trailer: Wreck-It Ralph – Poster: Skyfall, Argo – Varie dal mondo del cinema (Adele per 007; Jane Fonda sarà Nancy Reagan?; Manimal diventa un film; nuovo adattamento per James Ellroy; Storia mitologica della mia famiglia; il mercato italiano a Toronto) – Uscite USA del 21 settembre 2012: Dredd 3D, End of Watch, House at the End of the Street, Trouble with the Curve, The Perks of Being a Wallflower, About Cherry, Backwards, Unconditional 19 settembre 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, le nuove locandine di film prossimamente in uscita, le ultime notizie dal mondo della celluloide ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 14-16 settembre 2012

Arriva in prima posizione, con un incasso sotto i 2 milioni di euro, il fantascientifico “Prometheus” con Noomi Rapace e Michael Fassbender; sale al secondo posto il nuovo film d’animazione Disney-Pixar “Ribelle – The Brave”; scende in terza posizione il film d’animazione DreamWorks “Madagascar 3 – Ricercati in Europa”.
Fuori classifica l’italiano “Gli equilibristi” di Ivano De Matteo (11°, con 100.200 euro).
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Prometheus” (NE) 1.966.287 € (Tot. 1.966.287)
  2. “Ribelle – The Brave” (3) 1.341.646 € (Tot. 4.637.244)
  3. “Madagascar 3 – Ricercati in Europa” (2) 1.070.309 € (Tot. 20.004.210)
  4. “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” (1) 902.292 € (Tot. 13.246.661)
  5. “Che cosa aspettarsi quando si aspetta” (NE) 502.309 € (Tot. 502.309)
  6. “The Bourne Legacy” (4) 399.476 € (Tot. 1.386.261)
  7. “Shark 3D” (5) 305.803 € (Tot. 1.289.285)
  8. “Bella addormentata” (6) 230.120 € (Tot. 862.812)
  9. “È stato il figlio” (NE) 218.612 € (Tot. 218.612)
  10. “Pietà” (NE) 118.401 € (Tot. 118.401)

BOX OFFICE USA
Week-end
14-16 settembre 2012

Arriva in prima posizione, in un altro week-end povero di incassi, l’action-horror fantascientifico “Resident Evil: Retribution” con Milla Jovovich, quinto capitolo della saga; secondo posto per la riedizione 3-D del classico Disney-Pixar “Finding Nemo (Alla ricerca di Nemo)” con le voci di Albert Brooks e Ellen DeGeneres; scende in terza posizione l’horror-thriller “The Possession” con Natasha Calis e Jeffrey Dean Morgan.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. Resident Evil: Retribution” (NE) 21,05 (Tot. 21,05)
  2. “Finding Nemo 3D” (NE) 16,68 (Tot. 16,68)
  3. “The Possession” (1) 5,76 (Tot. 41,13)
  4. “Lawless” (2) 4,34 (Tot. 30,27)
  5. “The Expendables 2″ (3) 3,14 (Tot. 80,40)
  6. “ParaNorman” (5) 3,09 (Tot. 49,38)
  7. “The Words” (9) 2,86 (Tot. 9,14)
  8. “The Bourne Legacy” (6) 2,85 (Tot. 107,79)
  9. “The Odd Life of Timothy Green” (7) 2,59 (Tot. 46,37)
  10. “The Campaign” (8) 2,41 (Tot. 82,87)

Consiglio agli appassionati di doppiaggio e a chi conosce il mio portale Il mondo dei doppiatori di visitare subito lo spazio settimanale di questo blog linkato sul banner qui sopra, con anteprime, critiche, voci sul mondo del cinema e quiz.


TOM HANKS SI FA IN 6 PER I FRATELLI WACHOWSKI

Nonostante il successo commerciale, e il seguito da culto generato con la trilogia di The Matrix, quando i fratelli Wachowski sono andati a chiedere soldi agli studios per adattare per il cinema il bestseller di David Mitchell Cloud Atlas hanno incontrato solo difficoltà e resistenze. Come avrebbero potuto tradurre in immagini una storia, anzi sei storie, che vanno da un’avventura nel Pacifico nel 1800 a un convegno di compositori di musica negli Anni ’30, dalla storia di una giornalista che conduce un’inchiesta sulla corruzione nell’industria petrolifera negli Anni ’70 a quella contemporanea di un autore che uccide un suo critico, e ancora da una storia futuristica che narra di una ribellione in una società totalitaria ad un’altra ancora in cui siamo invece in un mondo post-apocalittico? Sei storie che si dipanano nei secoli ed esplorano vari generi cinematografici sfidando ogni convenzione narrativa. Che, come in The Matrix, trascendono il mondo fisico e rendono tempo e spazio un’illusione.
Poi i Wachowski hanno mandato la sceneggiatura a Tom Hanks, che all’inizio era confuso. «Non riuscivo a penetrarla», ricorda l’attore. Poi si è convertito, è diventato anzi un entusiasta del progetto e la Warner Brothers ha deciso di finanziare il nuovo film, finendo in realtà per assoldare non uno ma sei Tom Hanks. Sì, perché l’attore del doppio Oscar, prima con Philadelphia e subito dopo con Forrest Gump, di personaggi qui ne interpreta sei: un dottore corrotto a bordo di un veliero nel 1850, il curioso impiegato di un albergo nell’Europa tra le due guerre, uno scienziato nucleare nella California Anni ’70, un autore con tendenze da gangster nella Londra contemporanea, un attore televisivo in una Corea totalitaria, un guerriero tribale nelle isole hawaiane. Ma anche se di Hanks ce ne sono sei non è mai facilmente riconoscibile, il suo volto è sempre trasformato da protesi al naso, capelli a caschetto, un cappuccio da sopravvissuto alla fine del mondo. «Ognuno di questi ruoli è stata un’esperienza molto fisica – continua -. Entri nelle sale del trucco e una bella parte del personaggio è già fatta».
Oltre che Hanks, nel cast ci sono altri nomi importanti, inclusi Halle Berry, Hugh Grant, Jim Sturgess, Hugo Weaving e Jim Broadbent, anche loro in una molteplicità di ruoli. I personaggi della Berry e di Hanks si incontrano negli Anni ’70 e poi nel lontano futuro. La Berry, a un certo punto, è un’ebrea bianca ed aristocratica. E se tutto questo già crea confusione c’è di più: i registi non sono due ma tre, perché oltre ai due Wachowski c’è anche Tom Tykwer, l’autore di Lola corre. Il tema centrale? C’è eccome ed è che siamo tutti connessi e che le nostre azioni hanno conseguenze che si estendono attraverso le generazioni e i secoli e che l’esperienza umana è universale. Perché la scelta di dare agli attori più di un ruolo? «Perché interpretano anime, non personaggi», sostiene Tykwer. Insomma, le anime che restano nel tempo, indipendenti dai corpi.
Per realizzare Cloud Atlas, i tre registi hanno rivisitato la cronologia del libro, andando avanti e indietro da un’era all’altra, modificando la struttura di David Mitchell. Ma l’autore non si è risentito, anzi: «Hanno riassemblato la storia e sfruttato la forza delle immagini». Aggiunge Hanks: «In un sacco di film un uomo lotta per qualcosa e poi parole e parole e parole. Ma qui si parla di amore, passione, cattiveria. Di come le tue scelte avranno ramificazioni nel futuro per migliaia di anni».
(fonte: “La Stampa”, 16 settembre 2012 – articolo di Lorenzo Soria)


IL TRAILER DEL MOMENTO
Ecco il nuovo trailer originale del film d’animazione Disney “Wreck-It Ralph”, in italiano “Ralph Spaccatutto”, in uscita negli Stati Uniti il 2 novembre 2012 ed in Italia giovedì 20 dicembre, poco prima di Natale.

I POSTER DELLA SETTIMANA
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, vi presento prima il poster dell’action-thriller “Skyfall”, nuovo capitolo della saga dell’agente segreto James Bond qui interpretato per la terza volta da Daniel Craig.

Infine, ecco il poster del thriller “Argo”, che dopo “The Town” vede ancora alla regia Ben Affleck, anche interprete con Bryan Cranston e John Goodman .


VARIE DAL MONDO DEL CINEMA
Una piccola rassegna stampa delle notizie degli ultimi giorni.

  • ADELE FIRMA LA CANZONE DEL PROSSIMO BOND
    Adele, per i meno concentrati sul panorama musicale la voce del tormentone “Rumor Has It”, sarà ufficialmente la cantante di “Skyfall”, canzone che accompagnerà i titoli di testa del prossimo film di James Bond, 007 Skyfall, interpretato da Daniel Craig e in uscita in Italia il 31 ottobre.
    Per il precedente Quantum of Solace a cantare “Another Way to Die” furono Jack White dei White Stripes e Alicia Keys.
  • JANE FONDA SARA’ NANCY REAGAN?
    Magari si può discutere sul casting, non sull’effettiva somiglianza: Jane Fonda nei panni dell’ex First Lady Nancy Reagan. Due gocce d’acqua, separate alla nascita, quel che volete, fatto sta che The Butler ha fatto un colpaccio, almeno sotto il profilo mimetico. Al fianco di Jane (dicono compaia solo in poche scene), Alan Rickman interpreta il Presidente Ronald Reagan. Sul set a New Orleans, The Butler ha per protagonista Forest Whitaker nei panni del maggiordomo della Casa Bianca Eugene Allen, in pianta stabile per 34 anni. Il regista Lee Daniels ha adattato la sceneggiatura con Danny Strong da un articolo del Washington Post. Comunque, guardatevi la foto…
  • NUOVO ADATTAMENTO PER JAMES ELLROY
    James Ellroy, ancora al cinema. Il produttore Vincent Sieber, attraverso la sua VS Entertainment, si è assicurato i diritti de Il sangue è randagio (Blood’s A Roverdestinazione grande schermo. A darne notizia il daily Deadline, saranno Sieber e Clark Peterson a produrre l’adattamento, con Ellroy – già trasposto da registi del calibro di Curtis Hanson  e Brian De Palma – a far da executive producer.
    Il sangue è randagio, pubblicato nel 2009, è il terzo volume della Underworld USA Trilogy, che comprende American Tabloid (1995) e Sei pezzi da mille (2001). Un affresco corale di fantapolitica, che passa in rassegna complotti e strategie sotterranee di FBI, mafia, organizzazioni comuniste e poliziotti corrotti tra ’68 e ’72,  con tre protagonisti - Wayne Tedrow Jr (un ex-poliziotto al soldo della mafia italiana), Dwight Holly (agente FBI con la missione di screditare i movimenti politici afroamericani) e Don Crutchfield (giovane investigatore privato arruolato da FBI e mafiosi, i primi due già comparsi in Sei pezzi da mille - sulle tracce della militante comunista Joan Klein. Ma adattare prima i primi due capitoli, no?
  • MANIMAL DIVENTA UN FILM
    Durata una sola stagione nel 1983, la serie Manimal comprese solo otto puntate, vedendo protagonista il professore Jonathan Case (interpretato da Simon MacCorkindale), in grado di trasformarsi in vari animali per aiutare la lotta contro il crimine. Rifiutato dal pubblico americano il telefilm è diventato un cult, come succede spesso in questi casi.
    La Sony Pictures Animation ha intenzione di trarne un un lungometraggio che misceli riprese in live-action e animazione digitale, che dovrebbe permettere una resa più naturale delle metamorfosi alla base del racconto. La serie della NBC fu creata da Glen A. Larson e Donald R. Boyle.
  • CIAK PER LUCHETTI
    Sono iniziate lunedì 17 settembre a Follonica (Grosseto) le riprese di Storia mitologica della mia famiglia, il nuovo film di Daniele Luchetti che vede come protagonisti Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti. Fanno parte del cast Martina Gedeck (Le vite degli altri) e, per la prima volta sullo schermo, i due bambini Samuel Garofalo e Niccolò Calvagna.
    Sceneggiato da Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Daniele Luchetti e Caterina Venturini, Storia mitologica della mia famiglia è prodotto da Cattleya con Rai Cinema, coprodotto con la francese Babe Films e distribuito da 01 DISTRIBUTION.
    Le riprese del film si svolgeranno per nove settimane tra Roma, Follonica, Milano e la Francia (Camargue).
    Ambientato negli anni ’70, il film racconta l’estate particolare per una famiglia romana, destinata a sgretolarsi quando la moglie si innamora di un altro uomo. Il tutto osservato dal punto di vista del piccolo di casa, un bimbo di dieci anni.
  • BUON MERCATO PER GLI ITALIANI A TORONTO
    Ottimo bilancio della presenza italiana al Toronto International Film Festival. Sette erano i film che ci rappresentavano e tutti (salvo Io e te di Bernardo Bertolucci e Venuto al mondo di Sergio Castellitto, di cui non si conoscono ancora i dati) hanno avuto un mercato soddisfacente.
    Grande successo per La guerra dei vulcani di Francesco Patierno: il documentario sul love affaire Magnani/Rossellini/Bergman, già presentato a Venezia, è stato venduto in più di trenta territori. Bene anche E’ stato il figlio di Daniele Ciprì: oltre all’imminente uscita francese, sono stati chiusi gli accordi con i distributori australiani ed ungheresi, mentre sono ancora aperte le trattative per Brasile, Messico Argentina e UK e un grande interesse è stato riscontrato da parte dei distributori americani e canadesi.
    Serrata competizione tra i distributori francesi per acquisire i diritti de L’Intervallo, vera rivelazione di Venezia e Toronto, amato da pubblico, critica e addetti ai lavori. Per L’intervallo si registra interesse anche da parte dei distributori giapponesi, inglesi e americani.
    Reality di Matteo Garrone ha iniziato qui il suo viaggio nordamericano, dove e’ stato presentato nella sala principale del TIFF Bell Lightbox, il palazzo del cinema. Stampa e pubblico hanno accolto il film con uno straordinario consenso, confermando all’autore italiano la popolarità già conquistata con Gomorra. Reality, venduto già in più di quindici paesi, verrà distribuito in Canada da Mongrel e da Oscilloscope negli Stati Uniti. Da Toronto è partita la campagna promozionale.
    Bella Addormentata di Marco Bellocchio, per il quale ci sono trattative in corso per la distribuzione negli Stati Uniti e in Canada, ha già conquistato distributori per l’America Latina, il Portogallo e la Grecia e uscirà nella sale francesi in autunno. Il film è stato presentato all’Elgin Theater, alla presenza del regista e degli attori Maya Sansa e Pier Giorgio Bellocchio. Inizia per Bella Addormentata il giro del mondo, prossime tappe: Londra, Busan e Tokyo.

(fonte: Cinematografo.it, ComingSoon17-18 settembre 2012)


IL WEEK-END USA
Le uscite del 21 settembre 2012

Ecco il trailer dei principali titoli in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo.

“Dredd 3D”, action fantascientifico diretto da Pete Travis, con Karl Urban, Olivia Thirlby e Lena Headey: in una città violenta e futuristica dove la polizia ha l’autorità per agire come giudice, giuria ed esecutore della condanna, un poliziotto in coppia con una recluta cercherà di fermare una banda che tratta una droga che alterà la realtà, la “SLO-MO”.

“End of Watch”, thriller diretto da David Ayer, con Jake Gyllenhaal, Michael Peña, Anna Kendrick e America Ferrera: durante un controllo di routine, due giovani agenti confiscano una piccola quantità di denaro e di armi ai membri di un noto cartello, e sono di conseguenza condannati a morte dai criminali.

“House at the End of the Street”, horror-thriller diretto da Mark Tonderai, con Jennifer Lawrence, Elisabeth Shue, Max Thieriot e Gil Bellows: una madre e una figlia si trasferiscono in una nuova città e si ritrovano a vivere vicino ad una casa dove una ragazza ha ucciso i suoi genitori. Quando la figlia fa amicizia con il giovane sopravvissuto alla strage familiare e fratello dell’assassina, scoprirà che la storia non è ancora finita…

“Trouble with the Curve”, dramma diretto da Robert Lorenz, con Clint Eastwood, Amy Adams, John Goodman e Justin Timberlake: un talent scout di baseball negli anni del tramonto porta con sè la figlia per un ultimo viaggio per reclutare nuovi talenti.

“The Perks of Being a Wallflower”, dramma romantico diretto da Stephen Chbosky, con Logan Lerman, Emma Watson, Ezra Miller e Paul Rudd: una matricola introversa viene presa sotto l’ala protettiva di due studenti dell’ultimo anno che gli daranno il benvenuto nel mondo reale.

“About Cherry”, dramma diretto da Stephen Elliott, con Ashley Hinshaw, James Franco, Heather Graham e Lili Taylor: una giovane donna problematica va a vivere a San Francisco, dove rimane coinvolta in un giro di pornografia e si sistema con un avvocato cocainomane.

“Backwards”, commedia romantica diretta da Ben Hickernell, con Sarah Megan Thomas, James Van Der Beek, Glenn Morshower e Margaret Colin: quando una sportiva trentenne molto competitivo non riesce a qualificarsi per la seconda volta alle Olimpiadi, inizia a lavorare come insegnante in una scuola, ma faticherà ad abituarsi alla vita fuori dalle piste di atletica.

“Unconditional”, dramma diretto da Brent McCorkle, con Lynn Collins, Michael Ealy, Bruce McGill e Kwesi Boakye: la vita idilliaca di una donna viene sconvolta quando il marito viene ucciso in un atto di violenza insensata. Mentre la donna si appresta ad occuparsi direttamente della situazione, due incontri inattesi cambieranno tutto.


Tutte le informazioni riportate risultano corrette alla data di pubblicazione di questo post: per i film nelle sale statunitensi è indicato soltanto il titolo originale.
Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.