jump to navigation

Cinema Festival #304 – Box Office del 7-9 settembre 2012 – Venezia Cinema 2012, i vincitori – Trailer: Lincoln – Poster: Trouble with the Curve, Parental Guidance – Varie dal mondo del cinema (Hunger Games: la ragazza di fuoco; Battle Angel; Guardians Of The Galaxy; Fast & Furious 6) – Uscite USA del 14 settembre 2012: The Master, Resident Evil Retribution, Finding Nemo 3D, Liberal Arts, Arbitrage, 10 Years, Stolen 12 settembre 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, le nuove locandine di film prossimamente in uscita, le ultime notizie dal mondo della celluloide ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 7-9 settembre 2012

Risale in vetta  il fantastico “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” con Christian Bale, che supera gli 11 milioni di euro; scende al secondo posto il film d’animazione DreamWorks “Madagascar 3 – Ricercati in Europa” con le voci italiane di Ale e Franz; in terza posizione il nuovo film d’animazione Disney-Pixar “Ribelle – The Brave”. Quinto posto per “Shark 3D”, che realizza la più alta media per copia (2.711 euro).
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” (2) 1.665.528 € (Tot. 11.142.553)
  2. “Madagascar 3 – Ricercati in Europa” (1) 1.550.486 € (Tot. 17.925.981)
  3. “Ribelle – The Brave” (NE) 1.437.933 € (Tot. 2.249.407)
  4. “The Bourne Legacy” (NE) 571.876 € (Tot. 571.876)
  5. “Shark 3D” (NE) 444.538 € (Tot. 701.556)
  6. “Bella addormentata” (NE) 328.660 € (Tot. 392.966)
  7. “I mercenari 2 – The Expendables” (3) 129.427 € (Tot. 5.286.315)
  8. “Come non detto” (NE) 92.602 € (Tot. 92.602)
  9. “Monsieur Lazhar” (5) 80.081 € (Tot. 284.910)
  10. “Cena tra amici” (7) 31.890 € (Tot. 740.492)

BOX OFFICE USA
Week-end
7-9 settembre 2012

Podio stazionario: in prima posizione l’horror-thriller “The Possession” con Natasha Calis e Jeffrey Dean Morgan, secondo il western “Lawless” con Tom Hardy e Shia LaBeouf, terzo l’action “The Expendables 2″ con Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. The Possession” (1) 9,31 (Tot. 33,16)
  2. “Lawless” (2) 6 (Tot. 23,52)
  3. “The Expendables 2″ (3) 4,95 (Tot. 75,61)
  4. “The Words” (NE) 4,75 (Tot. 4,75)
  5. “ParaNorman” (5) 4,19 (Tot. 45,45)
  6. “The Bourne Legacy” (4) 3,96 (Tot. 103,62)
  7. “The Odd Life of Timothy Green” (6) 3,65 (Tot. 43)
  8. “The Campaign” (8) 3,37 (Tot. 79,32)
  9. “2016 Obama’s America” (9) 3,30 (Tot. 26,11)
  10. “The Dark Knight Rises” (7) 3,21 (Tot. 437,78)

Consiglio agli appassionati di doppiaggio e a chi conosce il mio portale Il mondo dei doppiatori di visitare subito lo spazio settimanale di questo blog linkato sul banner qui sopra, con anteprime, critiche, voci sul mondo del cinema e quiz.



VENEZIA CINEMA 2012
Dall’inviata di questo blog alla Mostra @KinoglazLulu:

VENEZIA ALL’ARRABBIATA
Mostra con coda avvelenata. La bagarre è – neanche a dirlo – italiana -. Bellocchio contro Mann, Del Brocco contro Garrone, Garrone contro l’Italia (provinciale) e Giro contro tutti.
All’indomani della cerimonia di chiusura di Venezia 69 è successo di tutto. Oggetto della rissa è la mancata assegnazione di premi al cinema italiano – anche se un paio di riconoscimenti ci sono stati: a Ciprì (fotografia di E’ stato il figlio) e Fabrizio Falco (migliore attore emergente) – e in particolare l’estromissione dal palmarès di Marco Bellocchio e della sua Bella addormentata. Ad aprire il fuoco di fila degli scontenti è stato Paolo Del Brocco, Ad di Rai Cinema (produttore di Bellocchio), che poche ore dopo l’annuncio del verdetto in Sala Grande ha diramato la seguente nota: “Siamo molto dispiaciuti che un’opera importante e coraggiosa come Bella addormentata non sia rientrata tra i film premiati, vista la straordinaria accoglienza del pubblico e le ottime critiche della stampa italiana e internazionale. Ci colpisce che un tema così universale e dibattuto, che Marco Bellocchio ha saputo trattare con intelligenza e rispetto, non sia riuscito a trovare il consenso e la giusta considerazione della giuria”.
Sul banco degli imputati c’è ovviamente il giurato italiano Matteo Garrone, reo di non avere difeso abbastanza Bellocchio con gli altri colleghi. Una ricostruzione iniziata a circolare immediatamente dopo la conferenza stampa di chiusura dei giurati, quando Garrone, interpellato da una giornalista sul flop dei film italiani, è stato “zittito” dal Presidente Michael Mann. Garrone – che con Rai Cinema ha pure un film in ballo, Reality, nelle sale da fine settembre – non ci sta e chiarisce qualche ora dopo che “Mann non voleva zittirmi, voleva difendermi perché aveva capito che si stava cercando di mettermi in mezzo sui premi. Ogni giuria è un caso a sè e il verdetto è sempre una mediazione dall’esito imprevedibile”. E’ la linea seguita anche dal direttore della Mostra Alberto Barbera, quando sostiene che la giuria ” ha lavorato in simbiosi: hanno passato tantissimo tempo insieme e mi hanno ringraziato perché alcuni di loro sono diventati davvero amici in questi giorni. L’atteggiamento di Mann mi era stato annunciato da lui stesso prima della conferenza stampa. Mi ha detto: “io impedirò a chiunque di fare domande ai singoli giurati per tutelare la privacy delle decisioni”. Questa è una cosa richiesta dal regolamento, Mann non ha fatto altro che chiederne il rispetto”.
La spiegazione non placa gli animi, anche perché a rinfocolarli ci pensa Michael Mann che a microfono spento avrebbe definito (così raccontano i soliti ben informati) “poco esportabile” il cinema di casa nostra e lo stesso Garrone che, nel tentativo di correggere il tiro (“Trovo che in tanta delusione da un mancato premio all’Italia ci sia molto provincialismo”), finisce per gettare ulteriore benzina sul fuoco. E arriva l’ira funesta di Bellocchio: “Mi sembra un giudizio idiota. Di questa imbecillità ne ho piene le scatole. Da un giurato mi aspetterei altro, che faccia la fatica di spiegare le ragioni perché un film non gli è piaciuto. Il mio dubbio è che chi dice queste cose viene da una cultura che parla inglese, poco sensibile alle sfumature”. E’ palese che Bellocchio ce l’abbia con Mann, altrimenti non si spiegherebbe quel “non accetto lezioni di regia” ribadito ieri a gran voce. La prima parte della querelle al veleno finisce comunque in pareggio: Bellocchio dice che non parteciperà più ad un festival, Garrone che non farà più il giurato. Ma nuovi e inquietanti sviluppi si attendono all’orizzonte, come minaccia l’ex sottosegretario alla cultura Francesco Giro: “Il flop del cinema italiano a Venezia non può restare senza conseguenze. Occorre aprire un confronto serio su questo fallimento. Non è credibile che a Cannes e a Berlino veniamo premiati mentre a Venezia siamo addirittura sbeffeggiati e censurati dal presidente di giuria di turno che tappa la bocca ai giurati”. E aggiunge: “Non è che il presidente di giuria viene a Venezia e si porta gli amici da premiare come è accaduto con Wim Wenders nel 2008. Questo non è accettabile. Non siamo mica una colonia! Vengono qui a nostre spese e ci trattano come degli scemi. I francesi a Cannes e i tedeschi a Berlino si fanno rispettare e sentire, eccome!”. Che sia proprio un politico del Pdl a indignarsi per i mancati riconoscimenti a Bellocchio (a chi, se no?) può suonare bizzarro. Non solo perché i maggiori detrattori di Bella addormentata sono nel suo partito (vedere cosa dice a tal proposito Gasparri) ma soprattutto perché solo pochi mesi fa fu proprio una formazione vicino alla sua coalizione – la Lega – a insistere perché fossero negati i fondi del Friuli al film.
(fonte: Cinematografo.it, 10 settembre 2012 – articolo di Gianluca Arnone)


IL TRAILER DEL MOMENTO
Ecco il teaser originale del film storico “Lincoln”, l’atteso biopic diretto da Steven Spielberg che arriverà nelle sale americane a metà novembre (ed in Italia a gennaio), interpretato da Daniel Day-Lewis e Joseph Gordon-Levitt.

I POSTER DELLA SETTIMANA
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, vi presento prima il poster dell’action “Trouble with the Curve”, interpretato da Clint Eastwood (nelle sole vesti di attore e non di regista), Amy Adams e Justin Timberlake.

Infine, ecco il poster della commedia natalizia “Parental Guidance” con Billy Crystal e Bette Midler.


VARIE DAL MONDO DEL CINEMA
Una piccola rassegna stampa delle notizie degli ultimi giorni.

  • PARTITE LE RIPRESE DI “HUNGER GAMES 2″
    Sono iniziate le riprese di Hunger Games: la ragazza di fuoco, sequel del fortunatissimo Hunger Games, action fantasy futuristico che ha sbancato il box office conquistando anche la critica. Primo ciak ieri ad Atlanta, in Georgia, dove il film verrà girato, con alcune riprese che saranno realizzate sulla spiaggia e nella giungla delle Hawaii a dicembre. “Siamo eccitati all’idea di imbarcarci in questa nuova incredibile avventura con Francis Lawrence, che ha già mostrato immensa creatività visiva e capacità di gestire il casting del film” ha dichiarato il presidente di produzione della Lionsgate Eric Feig.
    Francis Lawrence ha preso il posto del dimissionario Gary Ross che ha preferito abbandonare la lavorazione del sequel a causa dei tempi di produzione assai ristretti. Hunger Games: la ragazza di fuoco arriverà al cinema il 22 novembre 2013 e nell’occasione, per aumentare l’hype intorno al film, Lionsgate ha emanato un concorso grazie al quale 12 fortunati fan vinceranno una visita sel set e incontreranno il cast del film che ritorna al completo per il secondo capitolo delle avventure di Katniss, Peeta e Gale. Ritroveremo la protagonista Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Lenny Kravitz, Stanley Tucci e Donald Sutherland con in più la presenza di Philip Seymour Hoffman e di Jena Malone.
  • RITORNO AI CYBORG
    dE’ tempo di annunci per James Cameron. Sabato aveva rivelato che il quarto capitolo di Avatar sarebbe stato un prequel (dunque con gli episodi 2 e 3 la storia potrà dirsi conclusa). Ieri il produttore Jon Landau ha rivelato a MovieZine che, una volta terminata la saga di Avatar, Cameron si dedicherà all’adattamento di Battle Angel, tratto dal manga sci-fi di Yukito Kishiro. Ambientato nel 26° secolo, in un mondo dominato dalle macchine, Battle Angel è incentrato su una ragazza che vive nel corpo di un cyborg e che desidera recuperare la memoria per scoprire chi è veramente.
    Lo script sarà a firma di Laeta Kalogridis (Hugo Cabret) che dovrà combinare i primi tre volumi grafici del lavoro di Kishiro. Il progetto sarà pronto per le sale – stando a quanto dice Landau – non prima del 2017.
  • JOSS WHEDON SU “GUARDIANS OF THE GALAXY”
    Joss Whedon non è soltanto il regista del primo e del prossimo The Avengers, ma, data la sua esperienza in termini di fumetti Marvel, è diventato il consulente creativo della casa dei supereroi. Come sappiamo, James Gunn è da tempo al lavoro sulla preparazione di un film con protagonisti alcuni dei personaggi meno noti di casa Marvel, i Guardians Of The Galaxy, vale a dire i Guardiani della Galassia, un gruppo di difensori dell’universo creato da Arnold Drake e Gene Colan nel 1969.

    Il film sarà però ispirato alla versione del fumetto creata nel 2008. Durante un’intervista a MTV rilasciata al Toronto Film Festival, dove si trovava per presentare la sua versione “fatta in casa” di Molto rumore per nulla, Whedon ha dichiarato: “James è quello che mi fa credere che funzionerà. Io stesso pensavo ‘da ragazzo mi piaceva Rocket Raccoon (un procione alieno, ndr, in realtà inserito nella versione 2008) ma non saprei come fare a portarlo ad un pubblico più ampio’. E poi mi hanno detto ‘ beh, pensiamo di usare James Gunn e io ho risposto ‘oh, allora va bene’. Lui è uno fuori dagli schemi, è così folle e intelligente, è un vero artista che costruisce le cose col cuore. Lui adora il procione. Lui ha bisogno del procione”.

    Del gruppo dei Guardiani, oltre al procione, fa parte anche una specie di albero senziente, Groot. Whedon continua “James ha un approccio molto bizzarro, che nasce da un vero amore per il materiale. Sarà dura per gli esseri umani essere all’altezza!”. La data di uscita americana di Guardians Of The Galaxy è fissata per il 1 aprile 2014.

  • LA PRIMA FOTO DAL SET DI “FAST & FURIOUS 6″
    Vin Diesel ha pubblicato qualche ora fa sul suo profilo Facebook la prima immagine dal set di Fast & Furious 6. Le riprese del sesto episodio del franchise sono iniziate alla fine del mese di luglio scorso e si stanno svolgendo in questo momento a Londra. Il film, diretto da Justin Lin con Vin Diesel, Paul Walker, Dwayne Johnson, Tyrese Gibson, Jordana Brewster, Michelle Rodriguez, Gina Carano e Luke Evans, uscirà sugli schermi il 24 maggio 2013:

(fonte: Cinematografo.it, ComingSoon10-11 settembre 2012)


IL WEEK-END USA
Le uscite del 14 settembre 2012

Ecco il trailer dei principali titoli in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo.

“The Master” (in zone limitate, dal 21 settembre in tutto il Paese), dramma diretto da Paul Thomas Anderson, con Philip Seymour Hoffman, Joaquin Phoenix, Amy Adams e Jesse Plemons: un veterano di guerra torna a casa sconvolto ed incerto sul suo futuro… fino a quando non viene ammaliato dalla Causa e dal suo carismatico leader.

“Resident Evil: Retribution”, action-horror fantascientifico diretto da Paul W.S. Anderson, con Milla Jovovich, Sienna Guillory, Michelle Rodriguez e Aryana Engineer: Alice lotta insieme con un movimento di resistenza nella battaglia infinita contro la Umbrella Corporation ed i non morti.

“Finding Nemo 3D”, redistribuzione in 3-D del film d’animazione Disney-Pixar diretto da Andrew Stanton e Lee Unkrich, con le voci originali di Albert Brooks, Ellen DeGeneres, Alexander Gould e Willem Dafoe: dopo che suo figlio rimane catturato nella Grande Barriera Corallina e portato a Sydney, un timido pesce pagliaccio inizia un viaggio per riportarlo a casa.

“Liberal Arts”, comedy-drama diretto ed interpretato da Josh Radnor (“How I Met Your Mother”), con Elizabeth Olsen, Zac Efron e Elizabeth Reaser: quando il trentenne Jesse torna alla sua università per la festa del pensionamento di un professore, si innamora di Zibby, una studentessa, e dovrà affrontare la potente attrazione che scaturisce tra loro.

“Arbitrage”, thriller diretto da Nicholas Jarecki, con Richard Gere, Susan Sarandon, Brit Marling e Tim Roth: il magnate di un fondo d’investimento in crisi cerca di chiudere la vendita del suo impero ma commette un errore che lo costringerà a rivolgersi ad una persona inaspettata in cerca di aiuto…

“10 Years”, commedia romantica diretta da Jamie Linden, con Channing Tatum, Rosario Dawson, Chris Pratt e Jenna Dewan-Tatum: la sera prima della riunione della loro classe di liceo, un gruppo di amici si rendono conto di non essere ancora per certi versi cresciuti.

“Stolen”, action-thriller diretto da Simon West, con Nicolas Cage, Malin Akerman, Josh Lucas e Danny Huston: un ex-ladro cerca disperatamente di trovare la figlia scomparsa, che è stata rapita e chiusa nel bagagliaio di un taxi…


Tutte le informazioni riportate risultano corrette alla data di pubblicazione di questo post: per i film nelle sale statunitensi è utilizzato il titolo originale.
Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.