jump to navigation

Cinema Festival #297 – Box Office del 10-12 agosto 2012 – Il Signore degli Anelli, così il fantasy andò al potere – Trailer: End of Watch – Poster: Spiders 3D, Hit & Run – Varie dal mondo del cinema (The Tomb, Rush) – Uscite USA del 17 agosto 2012: The Expendables 2, ParaNorman, Sparkle, The Odd Life of Timothy Green, Compliance, Robot & Frank, Why Stop Now 15 agosto 2012

Autore: Antonio Genna
Categorie: Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, le nuove locandine di film prossimamente in uscita, le ultime notizie dal mondo della celluloide ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 10-12 agosto 2012

Top 10 quasi del tutto uguale alla scorsa settimana: in prima posizione rimane il film fantastico “Biancaneve e il cacciatore” con Kristen Stewart, al secondo posto il fantastico “The Amazing Spider-Man” con Andrew Garfield, ed in terza posizione il fantastico “La leggenda del cacciatore di vampiri” con Benjamin Walker.
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Biancaneve e il cacciatore” (1) 178.217 € (Tot. 7.788.226)
  2. “The Amazing Spider-Man” (2) 158.129 € (Tot. 11.091.898)
  3. “La leggenda del cacciatore di vampiri” (3) 78.624 € (Tot. 1.426.238)
  4. “Contraband” (4) 70.904 € (Tot. 611.014)
  5. “Nudi e felici” (NE) 70.648 € (Tot. 70.648)
  6. “Dream House” (6) 60.358 € (Tot. 207.357)
  7. “Bed Time” (5) 59.972 € (Tot. 535.433)
  8. “Diario di una schiappa – Vita da cani” (8) 27.404 € (Tot. 107.153)
  9. “Un anno da leoni” (7) 24.714 € (Tot. 216.869)
  10. “Cena tra amici” (10) 21.714 € (Tot. 515.877)

BOX OFFICE USA
Week-end 10-12 agost
o 2012

Arriva in vetta l’action “The Bourne Legacy”, che prosegue le vicende della saga con il nuovo protagonista Jeremy Renner; al secondo posto la nuova commedia “The Campaign” con Will Ferrell e Zach Galifianakis; scende in terza posizione “The Dark Knight Rises” con Christian Bale e Michael Caine, che è giunto ad un totale poco sotto i 400 milioni di dollari.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. The Bourne Legacy” (NE) 38,14 (Tot. 38,14)
  2. “The Campaign” (NE) 26,58 (Tot. 26,58)
  3. “The Dark Knight Rises” (1) 18,97 (Tot. 389,58)
  4. “Hope Springs” (NE) 14,65 (Tot. 19,10)
  5. “Total Recall” (2) 8,01 (Tot. 44,10)
  6. “Diary of a Wimpy Kid: Dog Days” (3) 8 (Tot. 30,35)
  7. “Ice Age: Continental Drift” (4) 6,38 (Tot. 143,69)
  8. “Ted” (7) 3,22 (Tot. 209,84)
  9. “Step Up Revolution” (6) 2,94 (Tot. 30,25)
  10. “The Watch” (5) 2,22 (Tot. 31,39)

Consiglio agli appassionati di doppiaggio e a chi conosce il mio portale Il mondo dei doppiatori di visitare subito lo spazio settimanale di questo blog linkato sul banner qui sopra, con anteprime, critiche e quiz.


“IL SIGNORE DEGLI ANELLI”, COSI’ IL FANTASY ANDO’ AL POTERE
Il potere della magia e la forza della spada, il fascino degli elfi e l’allegria degli hobbit, l’amicizia che unisce le razze, il coraggio nei momenti più cupi, l’amore che nasce dalla rinuncia, il Fato che tende i suoi fili. All’alba del nuovo millennio il cinema si risveglia in un mondo fantastico, quella Terra di Mezzo inventata negli Anni 40 da J.R.R. Tolkien dove si combatte la lotta definitiva tra Bene e Male e a vincere è il più piccolo degli eroi, l’unico capace di distruggere il potere invece di arraffarlo. Dopo anni di commedie e film realistici, di cronaca e impegno, western o thriller, la trilogia fantasy di Peter Jackson irrompe nelle sale sdoganando la favola e facendo man bassa di Oscar (17, gli unici non premiati sono stati gli interpreti) e di incassi, i più alti nella storia del cinema, se si considerano i tre episodi come un unico film, come in effetti è corretto, dato che sono stati girati contemporaneamente in Nuova Zelanda e sono usciti poi a scadenza annuale La compagnia dell’anello nel 2001 (in Italia gennaio 2002), Le due torri nel 2002 e nel 2003 Il ritorno del re.
Un successo planetario che coglie di sorpresa persino il produttore e la troupe, quasi convinti di aver evocato un potere non dissimile da quello racchiuso nel magico anello. Anche perché il romanzo da cui il film è tratto non era certo una novità: il professore di storia medioevale John Ronald Reuel Tolkien, uno che passava il tempo libero a dissezionare i miti greci e celtici, frequentando i fantasmi di Dioniso e Morgana, lo aveva scritto a più riprese tra il 1937 e il 1949 e pubblicato a metà Anni 50. Una classica saga fantasy, ambientata in un Medioevo immaginario, dove una compagnia composta tra gli altri dallo stregone Gandalf (nel film interpretato da Ian McKellen), dall’erede dei Re degli Uomini Aragorn (Viggo Mortensen), dall’elfo Legolas (Orlando Bloom), dal nano Gimli (John Rhys-Davies) e dal piccolo hobbit Frodo (Elijah Wood), tenta di distruggere il potente Anello del Potere, che renderebbe quasi invincibile il suo padrone Sauron se ritornasse nelle sue mani.
Una saga molto amata ma anche molto criticata, («Oh no, un altro fottuto elfo» avrebbe commentato l’amico Hugo Dyson durante una lettura pubblica) che si presta a varie interpretazioni, come dimostra il fatto che in Usa venne adottato dal movimento alternativo e pacifista degli Anni 60 mentre in Italia negli Anni 70 fu simbolo della gioventù di destra. Una storia, comunque, suggestiva e appassionante, ricca di personaggi forti e scenari esotici, inevitabile che il cinema ci mettesse sopra gli occhi: esiste addirittura un progetto dei Beatles per realizzare una versione di Il Signore degli Anelli, bloccato da Tolkien in persona. Anche Stanley Kubrick aveva fatto un pensierino alla trilogia, poi scartata perché troppo «vasta».
A metà Anni 70, il regista britannico John Boorman e il produttore Saul Zaentz abbordano il progetto e poi lo abbandonano perché troppo costoso; Boorman sfrutta comunque i suoi appunti per girare Excalibur e Zaentz realizza un adattamento a cartoni animati di La Compagnia dell’Anello e la prima parte di Le due Torri diretto da Ralph Bakshi; il risultato, però, per problemi di budget e tempo, non è granché e Bakshi non riuscirà mai a completare la storia. Il peccato originale è che il cartone è rivolto a un pubblico infantile, lasciando scontenta la maggior parte dei fan adulti. Questi fallimenti scoraggiano registi e case di produzione, che non ripropongono più l’idea, giudicata impossibile da portare sullo schermo, a causa dell’enorme quantità di finanziamenti e di effetti speciali necessari, senza contare il fatto che l’interesse per il fantasy è nel frattempo molto diminuito.
Solo a metà Anni 90, grazie agli enormi passi avanti fatti dalla tecnologia, che permette di riprodurre sullo schermo mondi immaginari e creature fantastiche come certo non era possibile in passato, la Miramax Films sviluppa un grandioso progetto con Peter Jackson, poi rilevato dalla New Line Cinema con effetti sviluppati da Weta Digital e Weta Workshop, fondate da Jackson stesso, che vi consacra una decina d’anni di vita.
Dopo il successo del film (e l’anno prossimo arriverà il prequel, Lo Hobbit, con lo stesso cast) il fantasy non si è più fermato: il genere che qualche anno fa non interessava nessuno (ricordate Woody Allen che in Io e Annie consigliava Diane Keaton: «Non prendere corsi in cui ti fanno leggere Beowulf»?) adesso ha praticamente sostituito tutti i tipi di narrativa per giovani e invaso le sale cinematografiche. In quella confusa Terra di Mezzo tra miti celtici e supereroi dei fumetti, angeli, demoni e vampiri, poemi medievali e manga giapponesi è nascosto il tesoro del nuovo business dell’immaginario mondiale. Libri e film, certo, ma anche videogiochi, affollati siti Internet e raduni dove tra stand medioevali e astronavi aliene si accalcano giovanissimi adepti vestiti da maghi, cavalieri o falconieri. Una sterminata tribù, più numerosa degli elfi e degli hobbit, che si appassiona all’eterna lotta del bene contro il male. «Oggi la cronaca propone scopi così meschini, l’immagine, la ricchezza – riflette la giovane scrittrice fantasy Licia Troisi -. Eppure nascosta dentro di noi rimane una fame di ideali nobili, di imprese epiche. Il fantasy non ha paura di essere semplice, di raccontare gli archetipi, di parlare di amore, odio, eroismo». Ci pensa l’industria a trasformare l’epica in business.
(fonte: “La Stampa”, 12 agosto 2012 – articolo di Raffaella Silipo)


IL TRAILER DEL MOMENTO
Ecco il trailer originale del film poliziesco “End of Watch”, in uscita negli Stati Uniti il 21 settembre, con un ricco cast che comprende Jake Gyllenhaal, Michael Pena, Anna Kendrick, Frank Grillo, Cody Horn e merica Ferrera.

I POSTER DELLA SETTIMANA
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, vi presento prima il poster inglese del catastrofico “Spiders 3D”, interpretato da Christa Campbell e Patrick Muldoon.

Infine, ecco il poster della commedia “Hit & Run” con Kristen Bell e Dax Shepard.


VARIE DAL MONDO DEL CINEMA
Una piccola rassegna stampa delle notizie degli ultimi giorni.

  • STALLONE E SCHWARZY ANCORA INSIEME IN “THE TOMB”
    Li vedremo insieme da questo venerdì ne I Mercenari 2. Ma c’è un altro film che vede riuniti sul grande schermo Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger. Si tratta di The Tomb diretto da Mikael Håfström in uscita nel 2013. Il film racconta la storia di un esperto di sicurezza (Sylvester Stallone), costretto a fare appello a tutte le sue capacità per scappare dalla prigione che lui stesso ha progettato. Arnold Schwarzenegger interpreta invece un carcerato che cerca di mantenere la calma dei compagni nel momento di massima difficoltà. Oltre Sly e Schwarzy, il cast del film comprende James Caviezel, Vincent D’Onofrio, Sam Neill, Vinnie Jones, 50 Cent e Amy Ryan. Ma ecco qui sotto la prima immagine ufficiale di The Tomb:

  • LE PRIME IMMAGINI DI “RUSH”
    Sono state pubblicate sul sito ufficiale le prime immagini di Rush, il film di Ron Howard ambientato nel mondo della Formula 1 e incentrato sulla storica rivalità tra i piloti James Hunt e Niki Lauda., interpretati rispettivamente da Chris Hemsworth e Daniel Bruhl. Il film arriverà sul grande schermo nel 2013 e vede tra gli altri interpreti Oliva Wilde e Alexandra Maria Lara:

(fonte: ComingSoon – 12-13 agosto 2012)


IL WEEK-END USA
Le uscite del 17 agosto 2012

Ecco il trailer dei principali titoli in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo. E’ in uscita anche l’horror-thriller “1921 – Il mistero di Rookford”, già distribuito in Italia anche in home-video; nelle zone di New York e Los Angeles è in uscita anche “Cosmopolis” di David Cronenberg, uscito alcuni mesi fa in Italia.

“The Expendables 2″, action diretto da Simon West, con Sylvester Stallone, Liam Hemsworth, Randy Couture e Jean-Claude Van Damme: Mr. Church riunisce i Mercenari per un’impresa che dovrebbe rivelarsi facile, ma quando uno degli uomini viene ucciso la loro ricerca di vendetta li farà finire in territorio nemico e contro una minaccia inattesa.

“ParaNorman”, film d’animazione Focus Features diretto da Chris Butler e Sam Fell, con le voci originali di Kodi Smit-McPhee, Anna Kendrick e Christopher Mintz-Plasse: un giovane che riesce a parlare con i morti raduna fantasmi e zombie per salvare la sua città da una maledizione centenaria.

“Sparkle”, dramma diretto da Salim Akil, con Jordin Sparks, Carmen Ejogo, Whitney Houston e Derek Luke: negli anni 1960, tre sorelle formano un gruppo musicale e diventano presto delle celebrità della Motown, ma la fama diventerà un problema quando il loro legame inizierà a sfaldarsi.

“The Odd Life of Timothy Green”, commedia fantastica diretta da Peter Hedges, con Jennifer Garner, Joel Edgerton, CJ Adams e Odeya Rush: una coppia senza figli seppellisce nel loro cortile una scatola che contiene tutte le caratteristiche del loro figlio ideale. Ben presto, durante una notte tempestosa, un bambino di 11 anni arriva a casa della coppia affermando di essere il loro figlio, anche se Timothy Green non è proprio ciò che appare…

“Compliance”, thriller diretto da Craig Zobel, con Ann Dowd, Dreama Walker, Pat Healy e Bill Camp: un film basato su una storia vera, in cui il manager di un fast food viene convinto, dopo una telefonata scherzosa, ad interrogare una giovane impiegata innocente… nessuno sarà in salvo.

“Robot & Frank”, commedia fantascientifica diretta da Jake Schreier, con Peter Sarsgaard, Frank Langella, Susan Sarandon e Liv Tyler: in un futuro poco remoto, un ex-ladro di gioielli riceve in dono dal figlio un robot-maggiordomo programmato per badare a lui. Ben presto, però, l’uomo e il robot tenteranno insieme di formare una squadra di truffatori…

“Why Stop Now”, comedy-drama diretto da Phil Dorling e Ron Nyswaner, con Jesse Eisenberg, Melissa Leo, Tracy Morgan e Isiah Whitlock Jr.: quando un giovane pianista prodigio cerca di far entrare in terapia riabilitativa sua madre, viene preso in ostaggio dallo spacciatore della donna e si imbarcherà in una folle avventura.


Tutte le informazioni riportate risultano corrette alla data di pubblicazione di questo post: per i film nelle sale statunitensi è utilizzato il titolo originale.
Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.