jump to navigation

Edicola – “National Geographic Italia” vol.30 n°2, agosto 2012: “Londra in gioco – La città delle Olimpiadi” 5 agosto 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie DVD, National Geographic Italia, Natura.
trackback

E’ in vendita in edicola al prezzo di 4,50 € il numero di Agosto 2012 - Vol. 302 del mensile “National Geographic Italia”, edito da Gruppo Editoriale L’Espresso e certificato dal marchio “National Geographic”, autorevole in campo divulgativo storico e geografico.
A seguire, la copertina e l’elenco dei principali contenuti.

In copertina: lo stadio olimpico di Londra è stato costruito con materiale riciclato e solo 11.000 tonnellate di acciaio. Fotografia è di Jason Hawkes.

Il numero di AGOSTO 2012:
“Londra in gioco – La città delle Olimpiadi”

East Side Story
di Cathy Newman, Fotografie di Alex Webb
L’altra Londra, ex quartiere operaio, sale alla ribalta con la XXX Olimpiade.

Salgari, viaggi da fermo
di Ernesto Ferrero
Le vite reali e immaginarie dello scrittore veronese, a 150 anni dalla nascita.

Il fotografo di Sandokan
di Paola Pallottino
L’avventurosa storia delle illustrazioni salgariane.

All’ombra di Wounded Knee
di Alexandra Fuller Fotografie di Aaron Huey
I Lakota Oglala della Riserva di Pine Ridge nel South Dakota a 150 anni dal massacro.

Tuffatori coraggiosi
di Jeremy Berlin Fotografie di Andrew Parkinson
Le sule, uccelli quasi sterminati all’inizio del 900, sono grandi nuotatori e genitori premurosi.

Cacciatore di fulmini
di George Johnson Fotografie di Carsten Peter
Tim Samaras percorre gli USA in lungo e in largo per fotografare la nascita di un lampo.

L’oro del Tibet
di Michael Finkel Fotografie di Michael Yamashita
Un fungo medicinale molto apprezzato in Cina sta alimentando un boom economico in Tibet.

In allegato facoltativo (a 9,90 € aggiuntivi) il DVD “Racconti dalla giungla”.

Racconti della giungla
La foresta raccontata da Kipling nel suo Libro della giungla esiste tuttora; si trova nell’India centrale, ed è un luogo spietato e inaccessibile, dove animali ed esseri umani devono lottare quotidianamente per la sopravvivenza. Un mondo sconosciuto ai più, ricco di animali selvatici di ogni specie e dominato da due formidabili predatori: la tigre del Bengala e il cuon, il famigerato cane rosso. In questo mondo non c’è spazio per la compassione o la giustizia, perché l’unica legge che vige è quella del più forte.

A seguire, un’introduzione del direttore Marco Cattaneo.

Per gli adolescenti della mia generazione, il ritratto di Sandokan aveva lo sguardo intenso e severo di Kabir Bedi, affiancato nelle sue scorribande da quella faccia da impunito di Philippe Leroy nei panni di Yanez de Gomera e perso del suo amore impossibile per la grazia sublime della perla di Labuan, Carole André.

È stato anche o soprattutto grazie ai romanzi di Emilio Salgari che nel secolo scorso – prima dei safari a buon mercato e delle crociere caraibiche all inclusive – tanti italiani hanno potuto intraprendere i loro viaggi immaginari verso le mete più esotiche e pericolose, infestate di briganti, selvaggi e animali feroci. Poco importa che quelle pagine fossero state scritte dal viaggiatore immaginario per eccellenza, che aveva tradotto con licenza di romanzo le più bizzarre informazioni su quei mondi lontani senza mai allontanarsi dall’Italia. Per noi doveva certamente essere quello il sapore di terre così aspre e lontane.

Emilio Salgari ci ha fatto viaggiare tutti quanti, comodamente seduti in poltrona, là dove non avremmo mai osato spingerci. Per questo gli dedichiamo un ricordo riconoscente nel 150° anniversario della nascita, grazie al commovente testo di Ernesto Ferrero e alle immagini di uno dei suoi illustratori più celebri, unito al “capitano” anche nel tragico destino, Alberto Della Valle. Il quale, come ricorda Paola Pallottino, usava chiamare a raccolta tutta la famiglia in un appartamento di Napoli per le fotografie preparatorie di quelle mirabolanti imprese. Niente di meglio per fantasticare sotto l’ombrellone.