jump to navigation

TV Soap #77 – Rete4 e l’agonia di “Tempesta d’amore” 10 luglio 2012

Scritto da Alessandro Giannotto nelle categorie Cinema e TV, Palinsesti TV, Soap opera, TV Soap.
Tags: , , , , , , ,
trackback

Un nuovo appuntamento speciale dello spazio “rosa” del blog tradizionalmente pubblicato il lunedì , questa volta dedicato alla programmazione del noto teleromanzo ambientato in Baviera.

Va bene che nell’appena trascorsa stagione televisiva la programmazione italiana di “Tempesta d’amore” ha avuto un’importante accelerazione, che ha comportato la riduzione del divario con quella tedesca da dieci a poco più di tre mesi, e che un’emittente dal budget limitato come Retequattro durante l’estate non può permettersi di spendere troppo, ma quello che è successo ieri sera non può passare inosservato.

Passiamo ai fatti, facendo prima un piccolo salto indietro. Se dai primi di giugno ha visto da un lato, comprensibilmente, l’eliminazione dei suoi mega appuntamenti del week-end (però una “puntatina” al sabato non avrebbe certo guastato), dall’altro la soap opera ha subito un’ulteriore diminuzione del minutaggio giornaliero, finendo per durare mezzo episodio originale. Ieri, però, con l’introduzione in palinsesto alle 20:10 delle repliche del telefilm poliziesco “Siska”, qualcosa è andato storto. Invece di iniziare alle 19:35, “Tempesta d’amore” è iniziata alle 19:43 dopo essere stata preceduta da una pausa pubblicitaria di ben sette minuti, per poi interrompersi nuovamente alle 19:51 per lasciar spazio alla televendita (anticipata rispetto il tradizionale orario delle 20:10) seguita dall’ennesima valanga di spot. E’ ripartita così soltanto alle 19:59, peccato che alle 20:11 fosse già terminata. Totale: 19 minuti scarsi di trasmissione, circa un quarto di puntata, e 15 di pubblicità.


Questa settimana, cara Retequattro, dato gli accadimenti che stanno succedendo al Furstenhof, possiamo pazientare, ma dalla prossima e sino a settembre anche noi spettatori andremo in vacanza. Con una programmazione così, non ci perderemo alla fine poi molto.