jump to navigation

Cinema Festival #289 – Box Office del 15-17 giugno 2012 – Trailer: Pitch Perfect – Poster: Ice Age Continental Drift, Won’t Back Down – Varie dal mondo del cinema (August: Osage County; Saving Mr. Banks; Wolf of Wall Street; Tom Hiddleston; Mad Max: Fury Road) – Film rari in mostra a Venezia 80 – Uscite USA del 22 giugno 2012: Brave, Abraham Lincoln Vampire Hunter, Seeking a Friend for the End of the World, The Invisible War, Grassroots, Stella Days 20 giugno 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, le nuove locandine di film prossimamente in uscita, le ultime notizie dal mondo della celluloide ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 15-17 giugno 2012

In un altro fine settimana poverissimo di incassi, svetta con poco più di 650.000 euro la new entry “Il dittatore” con Sacha Baron Cohen, che raccoglie 2.006 euro di media per copia; scende in seconda posizione il film fantastico “Men in Black 3″ con Will Smith e Tommy Lee Jones; perde un posto anche la commedia “Project X – Una festa che spacca” con Thomas Mann.
Fuori dalla Top 10, è dodicesimo (37.346 euro) “C’era una volta in Anatolia” di Nuri Bilge Ceylan, che però ottiene la miglior media copia in assoluto (2.873 euro).
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Il dittatore” (NE) 658.088 € (Tot. 658.088)
  2. “Men in Black 3″ (1) 184.232 € (Tot. 5.696.522)
  3. “Project X – Una festa che spacca” (2) 155.451 € (Tot. 930.724)
  4. “La bella e la bestia 3D” (NE) 146.025 € (Tot. 224.009)
  5. “Lorax – Il guardiano della foresta” (3) 118.448 € (Tot. 1.433.775)
  6. “Paura” (NE) 82.228 € (Tot. 82.228)
  7. “Marilyn” (5) 70.938 € (Tot. 750.044)
  8. “Dark Shadows” (4) 64.416 € (Tot. 6.486.570)
  9. “Benvenuto a bordo” (NE) 60.580 € (Tot. 60.580)
  10. “Le paludi della morte” (NE) 51.771 € (Tot. 51.771)

BOX OFFICE USA
Week-end 15-17 giugno
2012

Rimane in testa il film d’animazione “Madagascar 3: Europe’s Most Wanted” con le voci originali di Ben Stiller e Jada Pinkett Smith, che raggiunge i 119 milioni di dollari totali; stabile in seconda posizione il nuovo kolossal sci-fi di Ridley Scott “Prometheus” con Noomi Rapace e Logan Marshall-Green; al terzo posto la commedia musicale “Rock of Ages” con Julianne Hough e Tom Cruise.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Madagascar 3: Europe’s Most Wanted” (1) 34,05 (Tot. 119)
  2. “Prometheus” (2) 20,71 (Tot. 89,37)
  3. “Rock of Ages” (NE) 14,43 (Tot. 14,43)
  4. “That’s My Boy” (NE) 13,45 (Tot. 13,45)
  5. “Snow White and the Huntsman” (3) 13,26 (Tot. 122,06)
  6. “Men in Black 3″ (4) 10,04 (Tot. 152,72)
  7. “The Avengers” (5) 8,9 (Tot. 586,79)
  8. “The Best Exotic Marigold Hotel” (6) 2,28 (Tot. 35,21)
  9. “Moonrise Kingdom” (10) 2,23 (Tot. 6,83)
  10. “Battleship” (8) 1,24 (Tot. 62,15)

Consiglio agli appassionati di doppiaggio e a chi conosce il mio portale Il mondo dei doppiatori di visitare subito lo spazio settimanale di questo blog linkato sul banner qui sopra, con anteprime, critiche e quiz.


IL TRAILER DEL MOMENTO
Ecco il primo trailer ufficiale della commedia musicale “Pitch Perfect”, diretta da Jason Moore ed interpretata da Anna Kendrick, Brittany Snow e Rebel Wilson, in uscita negli Stati Uniti il 5 ottobre 2012.

I POSTER DELLA SETTIMANA
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, vi presento prima il poster del film d’animazione “Ice Age: Continental Drift” con le voci originali di Ray Romano e John Leguizamo.

Ed ecco il poster del film drammatico “Won’t Back Down”, con Viola Davis, Maggie Gyllenhaal e Holly Hunter.


VARIE DAL MONDO DEL CINEMA
Una piccola rassegna stampa delle notizie degli ultimi giorni.

  • GEORGE CLOONEY PRODUTTORE PER MERYL STREEP
    The Weinstein Company (TWC) ha annunciato oggi che saranno George Clooney e lo sceneggiatore Grant Heslov a produrre August: Osage County, adattamento della piece di Tracy Letts (autore anche di Killer Joe), già Premio Pulitzer e Tony Award. Meryl Streep e Julia Roberts saranno madre e figlia nel film, diretto John Wells e sceneggiato dallo stesso Tracy Letts.
    “Io e Grant siamo molto entusiasti all’idea di lavorare su questo progetto – ha detto Clooney -. Abbiamo un grande cast e un ottimo materiale di partenza e non c’è nessuno capace come Harvey Weinstein di combinare tutti insieme questi elementi. E siamo particolarmente eccitati di collaborare con il nostro amico John Wells. E’ un gruppo formidabile e d è un onore aiutarlo”.
    August: Osage County racconta la storia oscura, ironica e toccante delle coriacee donne di casa Weston che, a causa di una crisi familiare, si ritrovano dopo tanti anni nella vecchia dimora del Midwest in cui sono cresciute e dove ancora vive la madre disfunzionale.
    La piece di Letts ha fatto il suo debutto a Broadway nel dicembre 2007 dopo un’anteprima nel leggendario Steppenwolf Theatre di Chicago l’anno prima. La Streep interpreterà la matriarca Violet Weston, la Roberts la figlia Barbara. Nelle prossime settimane verrà ultimato il casting. Le riprese del film dovrebbero partire il prossimo autunno.
  • COLIN FARRELL, IL PADRE DI MARY POPPINS
    Colin Farrell è in trattative per unirsi a Tom Hanks ed Emma Thompson nel cast di Saving Mr. Banks, biopic firmato John Lee Hancock. Lo riporta The Hollywood Reporter.
    Il film è incentrato su P.L. Travers (Thompson), autrice di Mary Poppins, e il rapporto tormentato con Walt Disney (Tom Hanks) all’epoca dell’adattamento del celebre racconto. Ci sarebbero voluti ben 15 anni perché Disney convincesse la Travers a cedere i diritti del libro, che divenne un film solo nel 1964. La scrittrice temeva che la major non potesse rendere giustizia a un libro che lei considerava molto personale e pieno di riferimenti al suo delicato rapporto col padre (interpretato da Colin Farrell). Saving Mr. Banks sarà girato in autunno a Los Angeles.
  • TOM HIDDLESTON MAGNATE DEL PORNO
    Meglio noto al grande pubblico come il Loki di Thor e The Avengers, Tom Hiddleston sta per interpretare un altro personaggio sopra le righe, questa volta reale. Si tratta del magnate del porno Paul Raymond, editore e proprietario del primo strip club inglese, deceduto nel 2008.
    Nonostante Michael Winterbottom stia già per dedicargli un film intepretato da Steve Coogan, King of Soho, il figlio di Raymond, Howard, ha intenzione di combattere con tutte le sue forze contro una visione del padre che non sia da lui controllata. Howard sta quindi avviando un progetto parallelo interpretato appunto da Hiddleston.
    Due biopic contemporanei sullo stesso personaggio? Potrebbe quindi accadere, e non sarebbe la prima volta, se ricordiamo ciò che successe con Truman Capote – A sangue freddo e Infamous – Una pessima reputazione.
  • SI AMPLIA IL CAST DEL NUOVO “MAD MAX”
    La modella e attrice Rosie Huntington-Whiteley è stata scritturata per il film di George Miller Mad Max: Fury Road, che riprende a distanza di molti anni le avventure del personaggio interpretato in origine da Mel Gibson.
    Dopo essere apparsa in Transformers: Dark Of The Moon, la Huntington-Whiteley è stata dunque scelta per un altro film di fantascienza e azione, dove interpreterà una delle Five Wives, una carovana di donne a cui danno la caccia i cattivi del film prima che l’eroe interpretato da Tom Hardy arrivi a difenderle. Il personaggio femminile principale del film è interpretato da Charlize Theron, e del cast fanno parte anche Abbey Lee Kershaw, Richard Norton, Zoe Kravitz e Nicholas Hoult. Le riprese inizieranno a luglio.
  • NOVITA’ SUL CAST DI “WOLF OF WALL STREET”
    La star del serial Pan Am Margot Robbie è in trattative per unirsi al cast del nuovo film di Martin Scorsese, The Wolf of Wall Street. Secondo quanto riportato dal daily di  Variety, interpreterebbe la protagonista femminile accanto a Leonardo DiCaprio, Jonah Hill, Kyle Chandler e Jean Dujardin nel drammabasato sulle memorie bestseller di Jordan Belfort. In particolare, alla Robbie toccherebbe il ruolo della moglie di Belfort (Di Caprio), Nadine, nel film scritto da Terence Winter (The Sopranos, Boardwalk Empire) che segue la drammatica ascesa e caduta di Belfort (DiCaprio) a Wall Street, tra party, droga e alcoolismo. Il primo ciak di The Wolf of Wall Street si batterà in agosto a New York.

(fonti: Cinematografo, ComingSoon – 18-19 giugno 2012)

FILM RARI IN MOSTRA A VENEZIA 80
In occasione dell’80° anniversario della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1932-2012), durante la prossima edizione si terrà «80!», una retrospettiva di dieci film (sette lungometraggi e tre corto/mediometraggi) presentati nel corso delle precedenti Mostre. I film sono stati selezionati in base a criteri di rarità, utilizzando e restaurando le copie delle Collezioni dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale (ASAC). La 69. Mostra avrà luogo dal 29 agosto all’8 settembre 2012 diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.
Come è stato più volte rilevato da storici e ricercatori, i film della Mostra depositati presso l‘ASAC nel corso degli anni rappresentano un patrimonio prezioso e di notevole rilevanza documentale. In molti casi, si tratta di copie uniche di film considerati perduti, o di versioni che differiscono dalle copie poi distribuite commercialmente. Il progetto della retrospettiva consiste nell’individuazione di un numero limitato di pellicole non altrimenti disponibili in copie 35mm o in Dvd, né tantomeno restaurate in precedenza. L’operazione consentirà di rivedere e rendere disponibili film da tempo dimenticati o inaccessibili, avviandoli, dopo il restauro e la presentazione in prima mondiale a Venezia, verso future forme di diffusione culturale e commerciale, valorizzando nel contempo il patrimonio delle Collezioni dell’ASAC. Il Presidente della Biennale Paolo Baratta ha dichiarato: “Sono particolarmente felice di poter annunciare che anche la Mostra del Cinema, grazie all’iniziativa di Alberto Barbera, si arricchisce di un progetto che valorizza il nostro Archivio, il suo patrimonio e le sue competenze”.
Il lavoro di ricerca e verifica dei materiali, nonché la gestione dei contatti necessari per la realizzazioni dei restauri, sono stati condotti da Stefano Francia di Celle sotto la diretta supervisione del Direttore della Mostra Alberto Barbera. I film selezionati sono:

  • Poslednjaja noč’ (L’ultima notte) di Julij Jakovlevič Rajzman (Urss, 1936, 100’, 35mm, bianco e nero). Da uno dei registi “ufficiali” più premiati del cinema sovietico, la Rivoluzione d’Ottobre vista attraverso le vicende intrecciate di due famiglie, una operaia e una borghese, nel giro di una sola notte: l’“ultima notte” del vecchio mondo e la “prima notte” del nuovo.
  • Dieu a besoin des hommes di Jean Delannoy (Francia, 1950, 100’, 35mm, bianco e nero). Gli abitanti della selvaggia isoletta di Seil, battuta dalle tempeste dell’Atlantico, vivono il loro intenso bisogno di spiritualità in modi non convenzionali.  E’ il film con cui Delannoy ottenne il riconoscimento internazionale, e a cui furono attribuiti diversi premi (fra cui l’Ocic) alla Mostra del 1950, da lungo tempo invisibile.
  • Genghis Khan di Manuel Conde e Salvador Lou (Filippine, 1950, 91’, 35mm, bianco e nero) Film d’avventura girato rocambolescamente in lussureggianti ambienti naturali, con pochi mezzi ma ambizioni hollywoodiane, è diretto anche da Manuel Conde, figura di spicco del cinema filippino, di cui molti film sono andati perduti.
  • Il brigante di Renato Castellani (Italia, 1961, 174’, 35mm, bianco e nero). La copia Asac è l’unica traccia della versione più lunga del film, tagliata dopo Venezia dal produttore per ragioni commerciali. I minuti in più sono oltre trenta. Tratto da un romanzo di Giuseppe Berto, è la storia di un contadino calabrese che occupa latifondi, ingiustamente accusato di omicidio. Premio Fipresci alla Mostra del 1961
  • Free at Last di Gregory Shuker, James Desmond e Nicholas Proferes (Usa, 1968, 73’, 16mm, col.). Prodotto per la Tv pubblica Usa (PBS) documenta, con lo stile del cinema-verité, la marcia su Washington di Martin Luther King nel 1968 interrotta dal brutale omicidio. La copia originale Asac è l’unica esistente al mondo. trattandosi di pellicola ektachrom reversal che non prevedeva l’esistenza del negativo.
  • Pagine chiuse di Gianni Da Campo (Italia, 1968, 98’, 35mm, bianco e nero). Film ingiustamente dimenticato, che incarna la vena intima e pacata della contestazione giovanile di quegli anni. Felice esordio cinematografico del regista e scrittore veneziano allora venticinquenne Gianni Da Campo, che in seguito girò La ragazza di passaggio (1970) e Il sapore del grano (1986). Presentato alla 29a Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia (1968) tra le polemiche, ottenne poi il premio della Giuria al festival di Cannes dell’anno successivo e numerosi altri riconoscimenti.
  • -Stress-es tres-tres- di Carlos Saura (Spagna, 1968, 94’, 35mm, bianco e nero). Un road-movie che scava nella condizione e nelle fantasie della coppia moderna, con un originale stile asciutto e onirico allo stesso tempo. Uno dei primi film di Carlos Saura con Geraldine Chaplin, compagna di vita per molti anni del grande regista spagnolo.
  • Pytel blech (Un sacco di pulci) di Věra Chytilová (Cecoslovacchia, 1963, 44’, 35mm, bianco e nero). La tristezza quotidiana, il vuoto esistenziale, la tronfia retorica educativa del comunismo dall’interno di un ostello della gioventù. Documentario con spunti ironici e grotteschi, e uno dei primissimi lavori di Věra Chytilová, figura chiave della “nová vlna”, la nuova ondata anni ’60 del cinema cecoslovacco. Unica copia esistente al mondo.
  • Zablácené město (La città nel fango) di Václav Táborský (Cecoslovacchia, 1963, 8’, 35mm, bianco e nero). Nel nuovo quartiere in costruzione di Praga evitare il fango è la preoccupazione principale dei cittadini: un’ironica fantasia visiva sulle ambigue – e talvolta assurde – politiche di sviluppo urbano e sociale nella Cecoslovacchia degli anni Sessanta.
  • Ahora te vamos a llamar hermano di Raoul Ruiz (Cile, 1971, 13’, 35mm, col.). Una testimonianza sulla prima legge proclamata da Allende che dichiara gli indiani Mapuches cittadini a tutti gli effetti, con tutti i diritti relativi. Manifestazioni di allegrezza e discorsi degli indiani descritti col talento visivo e il gusto per la sperimentazione del maestro del cinema cileno Raoul Ruiz. Unica copia sopravvissuta.

I film scelti saranno sottoposti a un procedimento di restauro digitale presso il laboratorio “L’Immagine Ritrovata” di Bologna, o restaurati analogicamente in modo da ottenere una nuova copia in 35mm.
La rassegna è resa possibile dalla collaborazione con numerose cineteche e società italiane e straniere, parte delle quali contribuiranno anche economicamente alla realizzazione dei restauri: Cineteca Italiana di Milano, Cineteca di Bologna, Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale, Istituto Luce e Mediaset per l’Italia, nonché Gosfilmfond (Mosca), Filmoteca Española (Madrid), Paramount (Los Angeles), CNC-Centre National de la Cinématographie (Parigi), Cinémathèque française (Parigi), Film Development Council of Philippines (FDCP, Manila), British Film Institute (Londra), Národní filmový archiv (Praga) e Wnet New York Public Media, che hanno fornito l’acceso ai materiali originali di comparazione in loro possesso, o i negativi per la ristampa delle copie. Di tutti i film restaurati, rimarrà di proprietà della Biennale una copia in 35mm o in DCP/HD-cam, per la conservazione e le eventuali circuitazioni successive.
(fonte: Cinematografo, 19 giugno 2012)


IL WEEK-END USA
Le uscite del 15 giugno 2012

Ecco il trailer dei principali titoli in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo. Non è indicata la commedia “To Rome with Love” di e con Woody Allen, già distribuito in Italia da diverse settimane.

“Brave”, film d’animazione Disney-Pixar diretto da Mark Andrews, Brenda Chapman e Steve Purcell, con le voci originali di Kelly Macdonald, Billy Connolly, Emma Thompson e Julie Walters: determinata a scegliere il suo percorso nella vita, la principessa Merida non rispetta la tradizione e porta scompiglio nel suo regno. Quando le viene garantito un desiderio, Merida deve confidare sul suo coraggio e sulle sue capacità da arciere per sconfiggere una maledizione bestiale.

“Abraham Lincoln: Vampire Hunter”, action-horror diretto da Timur Bekmambetov, con Benjamin Walker, Rufus Sewell, Dominic Cooper e Anthony Mackie: Abraham Lincoln, il 16° Presidente degli Stati Uniti, scopre che i vampiri progettano di impadronirsi del Paese, e decide che la sua missione sarà di eliminarli.

“Seeking a Friend for the End of the World”, commedia fantascientifica diretta da Lorene Scafaria, con Steve Carell, Keira Knightley, Melinda Dillon e Melanie Lynskey: mentre un asteroide si avvicina alla Terra, un uomo si ritrova da solo dopo che sua moglie lo lascia in preda al panico. L’uomo decide di iniziare un viaggio on the road per riunirsi con la sua fidanzata dei tempi del liceo: ad accompagnarlo è una vicina di casa che ostacolerà il suo piano.

“The Invisible War”, documentario investigativo diretto da Kirby Dick ed incentrato sull’epidemia di abusi sessuali sui soldati all’interno del corpo militare statunitense.

“Grassroots”, comedy-drama diretto da Stephen Gyllenhaal, con Jason Biggs, Joel David Moore, Lauren Ambrose e Cobie Smulders: dopo aver perso il suo lavoro, un giornalista accetta con riluttanza di aiutare un suo strano amico con la sua impresa di ottenere un post nel consiglio comunale di Seattle.

“Stella Days”, dramma diretto da Thaddeus O’Sullivan, con Martin Sheen, Stephen Rea, Trystan Gravelle e Marcella Plunkett: un piccolo cinema cittadino nell’Irlanda rurale diventa lo scenario di una lotta drammatica tra fede e passione, Roma e Hollywood, un uomo e la sua coscienza.


Tutte le informazioni riportate risultano corrette alla data di pubblicazione di questo post: per i film nelle sale statunitensi è utilizzato il titolo originale.
Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.