jump to navigation

Ciclismo – Il 95° Giro d’Italia 5 maggio 2012

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Ciclismo, Comunicati, Giornali e riviste, Sport, Sportweek.
trackback

Parte oggi pomeriggio da Herning (Danimarca) con una cronometro individuale di 8,7 Km il 95° Giro d’Italia di ciclismo, una delle più importanti gare ciclistiche su strada che si disputa (con qualche interruzione per la prima e seconda guerra mondiale) dal 1909. L’arrivo, dopo 21 tappe, è previsto domenica 27 maggio a Milano con una cronometro individuale di 30,1 Km.
A seguire, la planimetria e l’elenco delle tappe di questa edizione: per maggiori informazioni e cronache quotidiane visitate la sezione speciale dedicata al Giro all’interno del sito web del quotidiano “La Gazzetta dello Sport”.

A seguire, l’elenco degli appuntamenti televisivi curati da Rai Sport e l’elenco delle tappe.

Per il quindicesimo anno consecutivo la Rai ha l’onere e l’onore della produzione televisiva del Giro d’Italia. Il sistema di trasmissione sarà totalmente digitale. La corsa verrà ripresa da ben cinque telecamere sulle moto e due telecamere girostabilizzate montate sugli elicotteri. In caso di maltempo l’aereo ponte garantirà comunque la visione della tappa in diretta. Il capo progetto di questo impegno televisivo è Enrico Motta, ormai un veterano dei “grandi eventi” targati Rai. Il direttore di Raisport Eugenio De Paoli ha affidato anche quest’anno al vicedirettore Auro Bulbarelli il ruolo di Team Leader della spedizione giornalistica. Il telecronista ufficiale del Giro sarà Francesco Pancani con il commento tecnico di Davide Cassani. Cronisti dalle motociclette saranno Andrea De Luca e Paolo Savoldelli. Le interviste e i servizi verranno realizzati da Antonello Orlando , Enrico Cattaneo e Fabrizio Piacente. Al timone della storica trasmissione il “Processo alla Tappa” è stata confermata Alessandra De Stefano, coadiuvata da Beppe Conti e Silvio Martinello, con la cura di Loredana Quatrini. E’ previsto (ed è una novità 2012) un collegamento giornaliero realizzato da Nicola Sangiorgio con la sede di tappa successiva per spiegare al pubblico le bellezze dei luoghi e le caratteristiche del percorso che verrà affrontato dagli atleti di lì a poche ore. Jean Paul Irali avrà la gestione del sito internet www.raisport.rai.it dal quale gli utenti potranno seguire tutta la gara in streaming con facoltà di scegliere sorgenti di immagini personalizzate.
La giornata dedicata al Giro d’Italia, sulle reti Rai, comincerà con la rubrica “Si Gira”, a cura di Francesco Saverio Garaguso, con la conduzione di   Marino Bartoletti. Ospiti fissi, due fedeli amici del Giro: l’ex corridore Luigi Sgarbozza e il cantante Paolo Belli.  Su Raisport 2 questa trasmissione avrà la durata di un’ora (20’ su Rai3) e sarà calibrata come orario di messa in onda per offrire sempre in diretta le immagini della partenza dalle varie località di tappa.    I primi collegamenti dal villaggio di partenza verranno effettuati già dalle 9.00 del mattino da Antonello Orlando all’interno del nuovo contenitore di Raisport 1 “Mattina Sport”. Tutto quanto successo in carovana e in corsa sarà raccontato da Piergiorgio Severini nella rubrica “Giro Notte” su Rai3 all’una di notte. “TGiro” va in onda ogni giorno alle ore 20.00 su Raisport 2, con la conduzione di Andrea De Luca e Davide Cassani. Su Raisport 2 sia le fasi finali della corsa che “Il Processo alla tappa” verranno replicati a partire dalle 23.45 a beneficio di chi non ha potuto seguire la diretta pomeridiana.

LE TAPPE

Infine, copertina e comunicato relativo allo speciale “Sportweek” in edicola con il numero di oggi del quotidiano “La Gazzetta dello Sport”.

Sportweek celebra il Giro d’Italia con un doppio numero in edicola

Sabato 5 maggio i lettori troveranno in edicola un doppio numero di Sportweek: il giornale consueto e uno speciale interamente dedicato al Giro d’Italia con le interviste ai protagonisti, le immagini più belle, e l’analisi delle tappe e delle squadre al via.

In copertina il campione del Mondo Mark Cavendish spiega a Sportweek perché ama il giro d’Italia e lo paragona al Tour: “Il Tour è lavoro, il Giro è amore. Il Tour è pressione, il Giro è passione. Al Tour devi vincere, al Giro vuoi vincere”.

Sempre a Sportweek il favorito numero uno Ivan Basso racconta il suo mondo su due ruote e il suo sogno per il prossimo Giro d’Italia: “Lo posso vincere. Anche il ciclismo è una ruota che gira. Prima o poi arriva il tuo momento. L’importante è prepararsi per essere giusti al momento giusto”.

Un’analisi dei 22 team e dei loro protagonisti, la guida a ogni singola tappa con planimetria, altimetria e commento, e le immagini più belle delle strade che hanno fatto grande il Giro d’Italia, dal Mortirolo allo Stelvio al Passo Giau, completano lo speciale.

Protagonista del numero regolare è invece un’inchiesta sul mondo degli ultras dopo i fatti di Marassi durante la partita Genoa-Siena: perché hanno tanto potere, che rapporti intrattengono con i giocatori e con la società, come arginarli, sono alcuni dei quesiti sui quali si cerca di portare luce nell’articolo.