jump to navigation

Edicola – “Focus” n°235, maggio 2012: “Misteri e ricchezze degli abissi” 23 aprile 2012

Autore: Antonio Genna
Categorie: Focus mensile.
trackback

Ecco la copertina, il sommario e l’editoriale del numero 235 – Maggio 2012 del mensile di divulgazione “Focus”, edito da Gruner+Jahr/Mondadori ed in vendita in edicola al prezzo di 3,90 €.

Misteri, inganni, consigli…
In esclusiva per Focus il dipinto perduto di Leonardo. Insieme alla mappa dettagliata dei tesori ancora da scoprire nelle profondità dei mari, ai consigli per caversela in tempi di crisi e alle meraviglie (e inganni) del gusto.

In allegato opzionale (a 9,99 € aggiuntivi) il volume “Il cervello goloso” di Andrè Holley.
Inoltre, a 8,90 € aggiuntivi, il primo libro della nuova collana “Focus Pocket”, “1089 e altri numeri magici” di David Acheson.

Di seguito, il sommario dei principali articoli di questo numero.

A livello zoccoli
Il mondo degli animali osservato da angolazioni inedite con una fotocamera nascosta nel terreno.

Il dipinto perduto di Leonardo
Uno studioso ha trovato le tracce della Battaglia di Anghiari, l’opera sparita del genio. Ecco com’era.

La corsa agli abissi
I fondali oceanici celano oro, minerali, risorse energetiche. E si scatena la corsa alle profondità.

Il Sole è infuriato
Ci scalda, ci illumina e ci dà energia, ma è meglio controllarlo. Perché un suo sbuffo può spazzare la tecnologia.

A bocca aperta
La sorpresa ci fa sopravvivere, fa avanzare la scienza ed è il “sale” di barzellette, romanzi, film, spot…

L’Expo di Milano (1 secolo fa)
Nel 1906 il capoluogo aveva già ospitato l’evento: ecco come andò tra maxi opere, roghi ed esotismo.

Dossier
Cosa dovete sapere…
… per cavarvela in futuro. I consigli di filosofi, astronauti, economisti, tecnologi.
Pronti a cambiare?
Il mondo cambia molto velocemente. Ecco perché  (e come) ce la caveremo.

Un ponte fra i continenti
Unire l’Asia e l’America con una struttura lunga 90 km. Percorribile da veicoli, treni e… balene.

Maledette password!
Ne usiamo troppe, al limite della sopportazione. Ecco come crearne di efficaci… e ricordarle.

Meraviglie del gusto
Esistono le illusioni gustative. E i sapori sono influenzati da vista, umidità e memoria…

Le mosse dei pedoni
I più lenti? Chi fa compere. I più veloci? Gli studenti. La scienza studia come camminiamo.

Le rotte dell’euro
Come si sono rimescolate le monete da 1 € che circolano in Italia? Un’inchiesta con sorprese.

Alla base della vita
Dall’orientamento degli uccelli alla fotosintesi: anche la biologia è “quantistica”.

Ex libri
I libri non servono solo a leggere: hanno anche altri usi. Possono diventare sculture e opere d’arte.

Mille laghi
Unite le dune del Sahara e i laghi della Scandinavia: ecco l’incredibile paesaggio di un parco brasiliano.

Infine, l’editoriale del direttore responsabile Sandro Boeri.

Messaggi nascosti, barzellette e Leonardo

Nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze, c’è un affresco dipinto da Giorgio Vasari, nel 1567, che rappresenta la battaglia di Marciano. E che, come un uovo di Pasqua, na­sconde una sorpresa straordinaria: un dipinto di Leo­nardo da Vinci, forse la sua opera più grande (in tutti i sensi) considerata, da tempo, perduta: La Battaglia di Anghiari. Come racconta Carlo Dagradi a pag. 18, il primo a intuire che potesse essere lì era stato un inge­gnere specializzato nella diagnostica di opere d’arte, Maurizio Seracini, quando, nel 1977, trovò, in un angolo nel dipinto, un messaggio criptico: “cerca trova”.
Seracini ha cercato per anni e oggi, finalmente, ha trovato: dietro la parete su cui c’è l’affresco di Vasari c’è un’intercapedine e poi una seconda parete. E lì c’è il dipinto di Leonardo. Per il momento nessuno l’ha visto, perché ovviamente non si può, per recuperare il dipinto sottostante, distruggere quello di Vasari. Focus però è in grado, grazie all’aiuto degli specialisti di Leonardo3, di farvi una sor­presa nella sorpresa: in anteprima mondiale, a pag. 22, vedrete come dovrebbe essere.
A proposito di sorprese: a pag. 38 trovate un articolo sulle sorprese!  Sono, come spiega Margherita Zannoni, il sale della vita. Ci fanno ridere (con l’ultima battuta di una barzelletta), ci terrorizzano (se sono brut­te), ci danno lo spunto per fare scoperte (la scienza analizza i fenomeni più “sorprendenti”), scandiscono la nostra vita e si fissano indelebili nella nostra memoria. Insomma: speriamo che an­che questo numero di Focus vi sorprenda.