jump to navigation

TV – “Report” su Rai 3 – Autunno 2011 – (6) “Mali culturali” 4 dicembre 2011

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Report - RaiTre.
trackback

Prosegue questa sera alle ore 21.35 su Rai 3 l’edizione autunnale di “Report”, il programma di inchieste ed approfondimenti condotto da Milena Gabanelli.
Ecco il sommario della puntata di stasera, tratto dal sito web del programma: l’inchiesta “Mali culturali” è stata curata da Stefania Rimini.

Da noi c’è il Colosseo, la Villa Reale di Monza, Pompei e poi la Valle dei Templi e tanto, tanto altro. L’Italia è nota per la ricchezza dei suoi beni culturali eppure nel resto d’Europa con un patrimonio di gran lunga inferiore al nostro riescono a dar lavoro a 3 milioni e 600 mila persone, il 2,6% del Pil, mentre in Italia ci fermiamo all’1,1%. Com’è possibile che da noi il bene culturale diventa un male? Intanto perché non abbiamo ancora ben capito cosa farne. Dici “beni culturali” e il ragioniere dello Stato pensa a venderli, mentre il professore pensa a conservarli. Potremmo anche decidere di buttare via tutto, ma oggi ci siamo accorti che l’eredità del passato ha un suo valore, ma non sappiamo se serve al turismo culturale, all’identità nazionale o a vendere più panini con salame. Invece all’estero, con l’operazione Mission Val de Loire i francesi stanno curando alla perfezione il loro paesaggio culturale: ci hanno messo un marchio e ora sono passati all’incasso. Gli Americani pure sono bravissimi a gestire la singola organizzazione e lo vedremo al Paul Getty Museum di Los Angeles. In Italia invece facciamo funzionare bene i maccheroni venduti in pieno centro storico.

Tutto il resto, che sia la valorizzazione delle Ville Venete o il coinvolgimento dei privati nel museo Madre di Napoli, è ancora lontano dal fare.

Subito dopo l’inchiesta “Ente d’azzardo” di Antonino Monteleone.

L’Enpam è la cassa di previdenza dell’ordine dei medici e degli odontoiatri, conta 400 mila iscritti e ha 11 miliardi di patrimonio. E’ considerata la più ricca tra gli enti di previdenza privata. Ma negli ultimi tempi qualcosa ha cominciato a scricchiolare, poche settimane fa la Guradia di Finanza, su mandato della Procura di Roma , ha perquisito la sede dell’ Enpam, l’ipotesi di reato e truffa ai danni dell’Ente. Tutto nasce dalla denuncia dei presidenti dell’ Ordine dei Medici di Bologna, Catania, Ferrara, Latina e Potenza che dopo che una società esterna di revisione ha scoperto perdite tra i 400 e gli 800 milioni di euro, si sono preoccupati delle sorti dell’Ente.

Infine, per lo spazio “C’è chi dice NO”, il servizio “Paolo Zamboni” di Bernardo Iovene.

Nel 2007 il professor Paolo Zamboni, chirurgo vascolare di Ferrara, scopre che i malati di sclerosi multipla sono affetti da una malformazione alle vene giugulari e azygos, con un piccolo intervento endovascolare i pazienti perdono la stanchezza dovuta alla malattia e riacquistano il movimento degli arti. Ma i neurologi sono scettici, e così la sperimentazione, nonostante la disponibilità della regione Emilia Romagna, è ferma. Servono 2 milioni e mezzo di euro. Ma i malati hanno fretta e contro il parere del proprio neurologo si sottopongono a interventi a pagamento nelle cliniche private.