jump to navigation

E’ morto l’attore e doppiatore Gianni Musy 7 ottobre 2011

Autore: Antonio Genna
Categorie: Audio, Cinema e TV, Doppiaggio, Film.
trackback

E’ scomparso a Roma l’attore e doppiatore Gianni Musy, un importante nome del cinema e della TV e del doppiaggio italiano: sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici.  I funerali si terranno domani, sabato 8 ottobre, alle ore 16.00 al Cimitero di Mentana in via Santa Maria degli Angeli.
Figlio degli attori Enrico Musy e di Gianna Pacetti, e padre dell’attrice teatrale Mascia Musy e della doppiatrice Stella Musy, Gianni era nato a Milano il 3 agosto 1931.
Dall’ampia raccolta dei ruoli doppiati, che trovate per esteso nella scheda a lui dedicata del mio portale Il mondo dei doppiatori, segnalo che Musy ha dato la voce a Richard Harris e Michael Gambon negli otto film della saga cinematografica di “Harry Potter” nei panni di Albus Silente, e a Ian McKellen nella trilogia del “Signore degli anelli” nel ruolo di Gandalf. Tra gli altri attori doppiati più spesso, segnalo Christopher Plummer (in film come “L’ultima eclissi”,  “The New World – Il nuovo mondo”, “Syriana” e “Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo”), Charlton Heston (in “True Lies”, “Planet of the apes – Il pianeta delle scimmie” e “Ogni maledetta domenica”) e Max von Sydow (in “La neve cade sui cedri” e “Minority Report”, ma anche nei recenti”Shutter Island” e “Robin Hood”); tra gli ultimi doppiaggi, quello del Grande Puffo nel film live-action “I Puffi in 3D”. In TV è stato la voce narrante di un anziano Indiana Jones nella serie Le avventure del giovane Indiana Jones, ma anche la prima voce di George Peppard nella serie A-Team, e non sono mancati i ruoli nei film d’animazione, come i disneyani “Hercules” (dove era Zeus) e “Atlantis – L’impero perduto” (in cui era il Re di Atlantide).
Tra i numerosi film interpretati per il grande schermo, Musy è stato il pentito Tommaso Buscetta in “Giovanni Falcone” (1994) di Giuseppe Ferrara; è stato il padre di Elsa in “Non ti muovere” (2004) di Sergio Castellitto, e ha lavorato anche con Carlo Verdone (“Compagni di scuola”, 1988) e Pupi Avati (“Impiegati”, 1984). In TV ha partecipato a molti sceneggiati Rai degli anni 1960/70, come “La freccia nera” (1968, nel ruolo di Senzalegge), “E le stelle stanno a guardare” (1971) e “Le inchieste del commissario Maigret” (1968 e 1972, nei panni dell’ispettore Lapoint), ma ha recitato fino agli anni scorsi in fiction come “Elisa di Rivombrosa” (2005, ne ruolo del giudice del processo) e la recente “Cugino & cugino” (2011, nel ruolo del detenuto Tagliante Invano).
Da non dimenticare che Gianni Musy ha scritto i testi di alcune canzoni, come “Umilmente ti chiedo perdono” e “Non esiste più niente” (per Edoardo Vianello) e “Il dolce paese” (per Sergio Endrigo).

A seguire, un estratto audio dal film “Il Signore degli Anelli – La compagnia dell’anello”, in cui Gianni Musy doppia Ian McKellen.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.