jump to navigation

Cinema futuro (1.333): “Il ventaglio segreto” 3 luglio 2011

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Il ventaglio segreto”

Uscita in Italia: venerdì 8 luglio 2011 (in anteprima mondiale)
Distribuzione: Eagle Pictures

Titolo originale: “Snow Flower and the Secret Fan”
Genere: drammatico / storico
Regia: Wayne Wang
Sceneggiatura: Angela Workman, Ronald Bass e Michael K. Ray (ispirato al romanzo “Fiore di neve e il ventaglio segreto” di Lisa See)
Musiche: Rachel Portman
Durata: 105 minuti
Uscita negli Stati Uniti: 15 luglio 2011
Sito web ufficiale (USA): cliccate qui
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Bingbing Li, Gianna Jun, Vivian Wu, Archie Kao, Hugh Jackman, Wu Jiang

La trama in breve…
Ispirato al romanzo bestseller dal titolo  FIORE DI NEVE E IL VENTAGLIO SEGRETO,  della scrittrice Lisa See, il film racconta la storia di  Fiore di neve  e Lily,  due bambine di sette anni, vissute  ai tempi della Cina del 19° secolo, che subiscono la fasciatura dei piedi alla stessa età e nel medesimo giorno.
Questo  avvenimento unirà inesorabilmente i loro destini attraverso un legame conosciuto con il nome di laotong  –  un vincolo  che le unisce assieme per l’eternità. Una volta sposate, nell’isolamento dei loro rispettivi matrimoni, le due ragazze troveranno il modo di comunicare furtivamente scrivendosi per mezzo di un linguaggio segreto chiamato nu shu, scritto tra le pieghe di un ventaglio bianco di seta.
In una storia parallela,  ambientata nella Shanghai  dei nostri giorni, Nina e Sophia, due discendenti del laotong, cercano di mantenere salda la loro amicizia, nata sin dai tempi della loro infanzia, nonostante le loro  carriere  impegnative e le loro vite amorose  complicate,  in una Shanghai  in perenne smania di evoluzione.  Attingendo dalle  lezioni  che il  passato  offre loro,  queste due donne moderne dovranno riuscire a comprendere  il significato della storia della loro unione ancestrale celata tra  le pieghe dell’antico ventaglio bianco di seta, oppure rischieranno di perdere per sempre la loro amicizia.
Ecco così  rivelate due storie,  divise da molte generazioni  di distanza, ma eterne  nella  loro nozione universale dell’amore, della speranza e dell’amicizia.

Dichiarazione del REGISTA – WAYNE WANG

Il passaggio seguente è un estratto tratto dalla postfazione che appare nel libro di Lisa See, ed è stato ciò
che mi ha spinto a fare questo film.
“Noi donne vogliamo che la gente ascolti i nostri pensieri,  che apprezzi la nostra creatività e che comprenda le nostre emozioni.  Come figlie, abbiamo tutte quante vissuto delle relazioni complicate con le nostre madri.  Come madri, abbiamo tutte  quante avvertito  un profondo terrore quando uno dei nostri figli si è ammalato.
Come mogli, tutte quante prima o poi ci siamo interrogate  sul vero ed eterno mistero degli uomini della nostra vita.  All’apparenza, noi donne contemporanee siamo indipendenti, libere e mobili, ma nel profondo di noi stesse desideriamo  ancora  ardentemente l’amore,  l’amicizia, la felicità,  la tranquillità e  vogliamo  essere ascoltate”.

-  LA STORIA E LA RECITAZIONE
Volevo che le due attrici principali  interpretassero sia  le protagoniste di quell’epoca storica che quelle del segmento ambientato ai giorni nostri. Dovevano riuscire a creare delle personalità molto differenti sia dal punto di vista emozionale che della gestualità.
E’ stata una sfida molto impegnativa per loro, ma i loro sforzi sono stati ripagati. Questa scelta ha avuto il merito di enfatizzare  il legame tra le lotte interiori che le donne devono affrontare,  anche se le loro vite oggi sono totalmente diverse da quelle delle donne vissute nel 1800.

-  ALTRI COMMENTI
Dopo che i produttori ed io abbiamo letto il romanzo ‘Fiore di Neve e il Ventaglio Segreto’,  tutti quanti abbiamo ritenuto che la storia della lotta delle donne nell’ambito della società  e della famiglia  sia  un argomento ancora molto attuale nelle società contemporanee.  Non è un argomento limitato ad un’era né ad un luogo in particolare;  è una storia che può essere compresa universalmente. I due personaggi rappresentano anche due  personalità molto differenti che le donne moderne incarnano. Per far  sì che il pubblico moderno si identificasse più facilmente con la storia, lo sceneggiatore ed io abbiamo sviluppato la parte del film ambientata ai giorni nostri,  quella in cui Nina e Sophia rappresentano e  sono una sorta di riflesso dei personaggi della storia originale – quelli di Lily e Snow Flower.
Perciò,  ‘Il Ventaglio Segreto’ si sviluppa su due livelli diversi: quello ambientato nel passato  e quello ambientato ai giorni nostri. Nella parte ambientata nel passato i colori  sono molto ricchi e saturi.  La fotografia e il look della storia ambientata in quel particolare periodo storico sono rimasti molto semplici e lineari.
Per quanto riguarda la storia ambientata nella società contemporanea, allo scopo di riflettere la velocissima evoluzione e il grande sviluppo vissuti dalla città di Shanghai, ho deciso di dividere ulteriormente questo segmento  in due parti più piccole: una ambientata negli anni ’90 e una ambientata ai nostri giorni. Negli anni ‘90,  per riflettere l’energia e la giovinezza di Nina e Sophia,  le scene sono caratterizzate da un ritmo veloce, e l’intero segmento è stato girato con una macchina da presa a mano che ci ha permesso di ottenere una certa fluidità oltre che una  grande  velocità. Nella parte ambientata nel presente,  e cioè nel 2010, le scene sono più lunghe, il colore principale è il blu e l’intento è quello di riflettere le avversità che Nina deve affrontare nella sua ricerca della verità riguardo all’incidente di Sophia.

-  LE SCENOGRAFIE
Gli scenografi del film  hanno creato dei set  d’epoca molto teatrali con dei colori arricchiti e intensificati. Per la luce si sono ispirati ai dipinti di  Rembrandt e alla loro luminosità naturalmente calda. Questo  look visivo ha conferito un’enfasi diversa alla storia ambientata nell’antichità, differenziandola da quella ambientata ai giorni nostri, che invece è  caratterizzata dal look ultra moderno della città di Shanghai, dove tutto ha un effetto più colorato e vetroso.

-  LE LOCATION
La parte del film  ambientata  nel passato è stata girata negli studios cinematografici di Heng Dian. Heng Dian è  una piccola città vicino a Shanghai  con un enorme back-lot che contiene degli edifici storici appartenenti a epoche diverse.  Per le riprese di questo film sono stati scelti degli edifici specifici,  in base alle caratteristiche più appropriate per la nostra storia, che è ambientata nel1800,  e più specificatamente nella provincia di Hunan.
Per quanto invece riguarda la parte ambientata ai giorni nostri, la produzione si è recata a Shanghai, dove ha scelto di usare alcuni degli edifici più moderni della città. Per la vecchia casa di Nina, dove abitava negli anni ’90, è stato utilizzato un vecchio edificio originale di Shanghai. La stanza scelta in questo edificio era talmente piccola che io stesso che sono il regista sono dovuto andare in un altro appartamento affianco per monitorare le riprese. La produzione ha filmato anche molte sequenze nelle famose strade di Shanghai, nei suoi ristoranti e nel bellissimo Peninsula Hotel.

-  COSTUMI & ARREDI SCENICI
I costumi  de  IL VENTAGLIO SEGRETO sono stati disegnati da   Man  Lim Chung.  Il costumista ha raccolto  sete antiche,  gioielli antichi e tessuti\sete  provenienti dai mercati di tutta la  Cina e  di Hong Kong. Alcuni specialisti provenienti dalle vicine città di Suzhou e Hangzhou sono stati assoldati per creare i ricami necessari per rendere unico ognuno dei costumi di quel particolare  periodo  storico. Ad esempio, il copricapo utilizzato per la scena del matrimonio di  Li Bingbing è un copricapo antico originale che i costumisti si sono procurati tramite un collezionista locale.
Tutti gli oggetti di scena relativi al bendaggio dei piedi che appaiono nel film riproducono fedelmente  gli strumenti storici  originali. La produzione ha inoltre assunto  un consulente  specializzato nella pratica della “fasciatura dei piedi” per eseguire il rituale che viene ripreso nel film, oltre che per proteggere i piedi delle giovani attrici. Il fasciatore di piedi che appare nel film è il più grande esperto di questa procedura di tutta la Cina  – è il  vecchio vestito da donna che appare nella scena  in questione. Le due attrici bambine hanno indossato delle scarpe con i tacchi in miniatura, alle quali sono stati tagliati via i tacchi per simulare delle scarpe create appositamente per dei piedi fasciati.

IL NU SHU (“IL LINGUAGGIO DELLE DONNE”)
Tutti i materiali e le storie relative al  Nu Shu  utilizzati nel film  riproducono  fedelmente  quelli storici originali. La produzione ha assoldato  dei consulenti esperti  in Nu Shu per assicurarsi che tutto quanto apparisse  il più realistico possibile. I consulenti,  un team formato da padre e figlio,  hanno realmente riscoperto l’arte perduta del Nu Shu (un linguaggio che spesso veniva scritto su dei ventagli decorativi) e sono stati i promotori delle ricerche in questo campo. La donna che ha scritto tutta la calligrafia Nu Shu nel film è niente di meno che l’Ambasciatrice del Nu Shu in Cina.
Tutti i cantanti Nu Shu del film sono dei discendenti delle donne che hanno realmente appreso l’arte del Nu Shu.  Nel film essi appaiono nel ruolo di se stessi e hanno cantato tutte le canzoni dal vivo.

Il trailer italiano:


Trame ed altre informazioni sono tratte dal materiale stampa relativo al film.
Per consultare le uscite dell’ultimo week-end italiano visitate lo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema andate allo spazio settimanale “Cinema Festival”.