jump to navigation

TV – “Eroi per caso” su Rai 1 10 gennaio 2011

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Cinema e TV, Comunicati.
trackback

Questa sera e domani alle ore 21.10 circa, Rai 1 propone “Eroi per caso”, una fiction in due parti diretta da Alberto Sironi ed interpretata da Flavio Insinna, Neri Marcorè e Ambra Angiolini. Una storia che racconta le brutalità della Prima Guerra Mondiale, ma anche le imprese “straordinarie” di uomini comuni che con il loro coraggio e senso di solidarietà si sono trasformati in  valorosi “eroi”.
A seguire, la presentazione curata dall’ufficio stampa Rai.

E’ il 1917. In Italia, così come nel resto d’Europa si combatte la Grande Guerra, il primo conflitto mondiale del Novecento. Un conflitto tra i più cruenti e duri che la storia ricordi. Si combatte in trincea, un luogo che riassume e simboleggia il volto più terribile e disumano della guerra. Migliaia  e migliaia di giovani vengono mandati al fronte. La maggior parte di loro non ha più fatto ritorno a casa. Altri ci sono tornati malconci, altri ancora sono riusciti a sopravvivere solo grazie alle gesta eroiche di persone  “normali” che, rischiando la propria vita, hanno saputo reagire alle difficoltà, anche estreme, con coraggio e grande umanità.  Sono gli uomini valorosi che il destino ha mandato al momento giusto, nel luogo giusto: sono gli “Eroi per caso”.
Una miniserie che vede protagonisti Flavio Insinna (Cesare Magnozzi), Neri Marcorè (Don Silvano), Ambra Angiolini (Teresa), Michele Alhaique (Vanin), Serena Rossi (Lulu’ La Belle) e Anna Dalton (Grazia). Una coproduzione Rai Fiction-Compagnia Leone Cinematografica, prodotta da Francesco e Federico Scardamaglia, per la regia di Alberto Sironi. In onda, in prima serata su Rai 1 lunedì 10 e martedì 11 gennaio.
Una storia  che vuole raccontare il dramma vissuto dai soldati italiani sul fronte dell’Isonzo e la loro straordinaria voglia di vivere, o meglio di sopravvivere alle brutture dei combattimenti e alle rigide e spietate regole della guerra.
Un fotografo di guerra, Cesare, e un cappellano, Don Silvano, vengono incaricati di scortare in trincea un giovane, Vanin, condannato per aver simulato di essere un telegrafista traduttore. La pena, vista la gravità del reato, equivale in pratica alla morte. Per questo motivo, Vanin, appena può, riesce ad eludere la sorveglianza dei due e si dà alla fuga. Il fotografo e il prete, a cui si è unita Teresa, una giovane debole di mente e invaghita del sacerdote, sono disperati. Se non ritrovano il prigioniero, verranno condannati alla sua stessa pena. Inizia così una ricerca affannosa, nel continuo timore di essere scoperti, attraverso i reparti italiani di prima linea.
Cesare e Don Silvano riescono finalmente a rintracciare Vanin che ha raggiunto il suo paesino per assistere la giovane moglie in procinto di partorire. Ma l’avanzata austriaca li taglia fuori.
I due vengono catturati e soltanto un intervento coraggioso e imprevisto di Vanin  riesce a salvarli. Fra i guardiani e il condannato nasce amicizia e solidarietà. Sulla via del ritorno, mentre è in corso un formidabile attacco austriaco alle linee italiane, i tre compiono insieme, per quel sentimento chiamato “amor di Patria”, uno straordinario gesto di valore. Per loro nessuna medaglia, ma riusciranno a salvare il condannato Vanin con una trovata piena di ironia.
“Eroi per caso” è una miniserie scritta da Francesco Scardamaglia, uno dei grandi autori della fiction italiana, scomparso recentemente.