jump to navigation

I 50 cartoni animati più belli della storia (5 ed ult.): posizioni 41-50 30 dicembre 2006

Scritto da Antonio Genna nelle categorie Animazione, Cinema e TV, Classifiche, Corti, Video e trailer.
trackback

“The 50 Greatest Cartoons: As Selected by 1,000 Animation Professionals”Un libro del 1994 dello storico di animazione Jerry Beck, dal titolo “The 50 Greatest Cartoons: As Selected by 1,000 Animation Professionals”, presentava una lista dei 50 cartoni animati più belli di tutti i tempi, dopo una votazione dell’epoca curata da esperti dell’industria dell’animazione.
Il curatore del blog americano CityRag ha ripescato la lista e compilato una video-lista dei cartoni, dato che la maggior parte di essi sono disponibili gratuitamente in Rete.
Vi propongo in questi ultimi giorni del 2006 un appuntamento, diviso in cinque parti (questa è l’ultima), che raccoglie i corti animati in versione originale (intera o parziale) al momento disponibili in Rete (i corti sono presenti in finestra video, o linkati altrove - attenzione però, alcuni video possono essere rimossi in qualunque momento)… se non li avete visti, molti sono davvero imperdibili.
Tutti i diritti dei video inseriti, qui elencati a scopo dimostrativo, sono dei rispettivi proprietari.

Posizioni 1-10
Posizioni 11-20
Posizioni 21-30
Posizioni 31-40

A seguire, le posizioni 41 - 50 che chiudono la lista.

Numero 41: “Rooty Toot Toot” (1952)
Diretto da John Hubley. Narrazione animata della canzone popolare americana “Frankie and Johnny”: ha luogo il processo contro Frankie, accusata di aver ucciso il suo amante pianista Johnny…

Numero 42: “The Cat Concerto” (1947)
Diretto da William Hanna e Joseph Barbera, è uno dei classici corti di “Tom e Jerry”, vincitore di un premio Oscar nel 1946 per il miglior soggetto animato di un corto. Il gatto Tom, talentuoso pianista, sta eseguendo la Rapsodia Ungherese n°2 di Liszt, ma il topo Jerry, che dorme dentro il pianoforte, non vuole essere disturbato…

Numero 43: “The Barber of Seville” (1944)
Diretto da Shamus Culhane. Un’altra parodia dell’opera “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini, qui è protagonista il picchio Woody Woodpecker.

“The Barber of Seville”

Numero 44: “The Man Who Planted Trees” (1987)
Diretto da Frédéric Back, ha vinto un premio Oscar. Versione animata del racconto “L’homme qui plantait des arbres” del francese Jean Giono: un pastore cerca di riforestare una valle deserta in Provenza. La voce narrante è quella dell’attore Christopher Plummer. Secondo molti appassionati è il miglior cortometraggio animato mai realizzato finora.

Numero 45: “Book Revue” (1946)
Diretto da Bob Clampett. Una rassegna di opere letterarie, da William Shakespeare a Henry James, con la partecipazione del Lupo e divertenti numeri canori di Daffy Duck.

Numero 46: “Quasi at the Quackadero” (1975)
Diretto da Sally Cruikshank. In un parco dei divertimenti del futuro, due paperi ed un robot…

Numero 47: “Corny Concerto” (1943)
Diretto da Bob Clampett. Parodia del film d’animazione Disney “Fantasia” e narrato da Elmer Fudd, racconta le “Storie dai boschi viennesi”, con Porky Pig a caccia di Bugs Bunny, e il “Danubio Blu”, con il classico racconto del “Brutto anatroccolo”.

Numero 48: “The Unicorn in the Garden” (1953)
Diretto da William T. Hurtz. Basato sull’omonimo racconto di James Thurber: un uomo vede un unicorno nel giardino e lo dice alla moglie, che però non gli crede e lo prende in giro…

Numero 49: “The Dover Boys” (1942)
Diretto da Chuck Jones, appartiene alle “Merrie Melodies” Warner. Parodia dei “Rover Boys”, una serie di libri per ragazzi dei primi del Novecento: i tre fratelli Tom, Dick e Larry Dover trascorrono una giornata con la loro “fidanzata” Dora Standpipe.

“The Dover Boys”

Numero 50: “Felix in Hollywood” (1923)
Diretto da Otto Messmer. Una delle avventure mute del gatto Felix, che deve trovare urgentemente dei soldi.


E dopo questi cinquanta corti, è proprio il caso di dire…

That’s All Folks!